Condividi
Sciopero scuola: i sindacati annunciano un autunno di proteste, i motivi
Condividi su

Sciopero scuola: i sindacati annunciano un autunno di proteste, i motivi

Di Selena
pubblicato il 07 agosto

L’anno scolastico ancora non è iniziato e già si parla di sciopero della scuola: i sindacati sono sul piede di guerra, ecco cosa sapere a riguardo.

Sciopero scuola: i sindacati annunciano un autunno di proteste, i motivi

Anno scolastico 2019-2020 all’insegna degli scioperi della scuola: cosa sta succedendo

L’inizio del nuovo anno scolastico è alle porte, ma i primi giorni di scuola sembrano essere all’insegna degli scioperi. Idea che non spaventa per niente gli studenti che, anzi, vedono questi “smottamenti” tra i sindacati come il segnale che si potranno allungare di qualche giorno le vacanze estive. Già è stato annunciato un sciopero per il 18 settembre e ora i sindacati, dalla voce di Francesco Sinopoli, segretario generale Flc Cigl, annunciano che in autunno ci sarà un grande sciopero generale della scuola se non si darà seguito all’accordo del 24 aprile tramite un “decreto di urgenza”. Ma cosa sta succedendo in realtà? Perché il mondo della scuola è in subbuglio e si parla già di scioperi scolastici in autunno? Cerchiamo di capire meglio insieme la situazione.

Si continua con i primi scioperi dell’anno scolastico 2019/2020! Ecco cosa sapere:

Volete sapere quando inizia la scuola e cosa prevede il calendario scolastico 2019/2020? Non perdete:

sciopero-scuola-autunno-sindacati-rivolta-motivi-protesta (2)

Sciopero scuola autunno 2019: i motivi delle proteste

Forse vi ricorderete che, anche l’anno scorso, ci sono state moltissime giornate di sciopero. Tutto era legato alla situazione dei precari, alla necessità di nuove assunzioni e all’adeguamento degli stipendi. Per calmare le acque il 24 aprile era stato siglato un accordo tra il mondo della scuola e quello dei sindacati in cui si parlava della creazione di un concorso per l’assunzione dei precari in vista del nuovo anno scolastico. Concorso che però, a oggi, non è ancora arrivato al Consiglio dei ministri. Così i sindacati FLC CGIL, CISL FSUR, UIL Scuola RUA, SNALS Confsal e GILDA Unams, minacciano di prendere provvedimenti e di far iniziare il nuovo anno scolastico 2019-2020 con molti scioperi. Come annunciato infatti durante una conferenza stampa a Roma dalle varie sigle sindacali, se non arriverà una risposta concreta alla situazione dei precari si preannuncia un autunno molto caldo. L’accusa mossa al Governo è quindi quella di ancora non aver tenuto fede alle promesse fatte e di non aver ancora provveduto a coprire le posizioni che rimarranno scoperte il prossimo anno. A fine luglio il Ministro dell’Economia aveva aperto l’assunzione per circa 53mila docenti, ma la manovra non sembra essere sufficiente: si parla infatti di circa 150mila posti vacanti e se non ci saranno provvedimenti, la Commissione Europea farà partire una nuova procedura di infrazione contro l’Italia per abuso di contratti a tempo determinato.

(Fonte Immagini Pixabay)

Selena
Sono Selena, giornalista pubblicista appassionata di serie TV e di musica. Scrivo da quando ero bambina e, di nascosto, mi impossessavo della vecchia macchina da scrivere di mia mamma! Lavoro da 10 anni nel mondo del giornalismo e da qualche tempo conduco anche un programma radio.
Leggi altri articoli in News Scuola