Tema sull’amore: traccia svolta sull’amore ieri e oggi
Condividi su

Tema sull’amore: traccia svolta sull’amore ieri e oggi

Di Selena
pubblicato il 07 settembre

Dovete fare un tema sull’amore? Ecco il nostro tema svolto sull’amore ieri e oggi a vostra completa disposizione: potrete copiare o prendere spunto!

Tema sull’amore: traccia svolta sull’amore ieri e oggi

Tema sull’amore svolto

L’amore è un argomento talmente comune che, a volte, lo diamo per scontato. Chi non lo sottovaluta sono i professori che nel corso dell’anno scolastico potrebbero decidere di affidarci un tema sull’amore ieri e oggi come compito o come verifica. Come si svolge un tema di questo genere? Quali sono gli argomenti da trattare per un tema sull’amore? Come si scrive un tema dedicato a questo sentimento? Noi di ScuolaZoo siamo qui per voi e, con questo tema svolto sull’amore ieri e oggi, potrete capire come scriverlo e quali sono i punti da approfondire maggiormente. Sicuramente il fulcro del tema sull’amore ieri e oggi è fare una sorta di comparazione tra come nel passato questo sentimento fosse più “lento” rispetto ad oggi: se un tempo si inviano le lettere oggi ci sono gli sms, solo per fare un esempio. Ma vediamo insieme questo tema svolto sull’amore ieri e oggi: può darvi qualche spunto interessante!

Se l’idea vi piace, ma preferite sviluppare il tutto da soli leggete qui:

tema-svolto-amore-ieri-oggi (2)

Tema sull’amore ieri e oggi: introduzione

Nel celebre “Il Mercante di Venezia”, William Shakespare scriveva: l’amore è cieco e gli amanti non vedono le amabili follie cui s’abbandonano. Nonostante queste parole risalgano alla fine del 1500, non c’è nulla di più vero ancora oggi. L’amore è un sentimento antico come l’uomo stesso e, con il passare dei secoli, si è modificato nella forma, ma non nella sostanza. Se già Platone parlava dell’anima gemella spiegando come l’uomo sia sempre alla ricerca della sua metà che lo completi, oggi le cose non sono cambiate molto: continuiamo nel nostro viaggio alla ricerca dell’amore puro che ci completi, ma non lo facciamo più come nei decenni scorsi guardandoci di nascosto o scambiandoci fugaci lettere d’amore scritte alla luce di una candela. Oggi abbiamo internet, abbiamo app che ci permettono di trovare qualcuno che, come noi, è alla ricerca dell’amore, possiamo scrivere in tempo reale alla nostra metà quanto ci manca e magari corredare il tutto da un video messaggio o una video chiamata su Skype. Insomma, l’amore è sempre lo stesso, ma cambia il modo in cui lo viviamo.

Tema su come cambia l’amore: svolgimento

Il sociologo Zygmunt Bauman prima di lasciarci, aveva elaborato una interessante analisi della società in cui viviamo oggi, definendola come “liquida”. Questa terminologia è poi stata utilizzata anche per parlare dell’amore e, partendo da qui, possiamo capire come l’amore ieri e oggi sia cambiato. L’amore liquido di Bauman altro non è che una definizione per spiegare la fugacità di questo sentimento che cambia e si evolve attimo dopo attimo, proprio come un fiume che scorre. In passato l’amore era più intenso sotto un certo punto di vista: pensate a quelle coppie di fidanzati divisi per mesi e mesi dalla guerra, oppure dall’assenza di mezzi di trasporto veloci che potessero condurli l’uno dall’altro. Pensate poi alle famiglie che, per motivi di casta nobiliare, non permettevano a persone di diverso ceto di sposarsi. Viene subito in mente Giulietta e Romeo, ma anche Paolo e Francesca, Anna Karenina e il Conte Vronskij, Tristano e Isotta… ovviamente si tratta di amori romanzati, raccontati da autori che però, pur edulcorando gli avvenimenti, in qualche modo davano un quadro di ciò che era l’amore all’epoca. Intenso, violento nella sua necessità, difficile, ma bellissimo. Oggi, non per essere anacronistici, ma questo tipo di amore è venuto leggermente meno. Per quanto vi siano sempre coppie che sia amano alla follia e che incarnano l’amore quello puro e sincero, sempre più spesso sentiamo parlare di divorzi o di atti di violenza che nascono proprio tra due persone che millantavano amore. Ci ricolleghiamo così all’amore liquido di Bauman: la tecnologia ci ha permesso di avvicinarci alle persone che amiamo, ma allo stesso tempo ci ha instillato dubbi sulla fiducia (basti pensare a quanto le famigerate visualizzazioni di Whatsapp o le spunte blu abbiano causato litigi) e anche maggiori possibilità di fuga e distrazioni. Se la società di oggi è meno propensa a combattere per degli ideali e si scende molto poco in piazza a manifestare per i propri diritti, figuriamoci per l’amore. Spesso infatti se una storia incontra delle difficoltà ci viene molto più semplice fuggire invece che lottare per mantenere vivo quell’amore. Grazie ai social infatti siamo perennemente collegati con la persona che amiamo, ma anche col resto del mondo e se la nostra metà ci fa arrabbiare per un motivo qualsiasi può capitare che invece di andare a fondo del problema si preferisca cercare attenzioni altrove. Non per forza queste si devono trasformare in un tradimento fisico, ma si elude il problema.

Tema svolto sull’amore: conclusioni

L’amore ieri e oggi è quindi sempre lo stesso nella sostanza: quel sentimento che fa venire le farfalle nello stomaco o che cresce piano piano e, senza nemmeno accorgersene, quella persona che fino a qualche giorno prima non conoscevamo nemmeno diventa parte integrante di noi. Ma l’amore è allo stesso tempo cangiante: il tempo e la società in cui siamo immersi, lo fa evolvere. Da un lato in modo molto positivo perchè come abbiamo sottolineato la tecnologia moderna ci permette di mantenerci in costante contatto con chi amiamo; dall’altro però ci offre anche delle scappatoie facili, mandando un po’ in malora quel concetto di amore eterno di cui sono pieni i capolavori della letteratura e che, di fondo, tutti desideriamo.

Stai già pensando alla tesina di maturità? Potrebbe interessarti:

Selena
Sono Selena Marvaldi, giornalista pubblicista appassionata di serie TV e di musica. Scrivo da quando ero bambina e, di nascosto, mi impossessavo della vecchia macchina da scrivere di mia mamma! Lavoro da 10 anni nel mondo del giornalismo e da qualche tempo conduco anche un programma radio intitolato "La Spuntatina".
Leggi altri articoli in Copiare a Scuola Scuola