Condividi
Tema sulla disoccupazione giovanile in Italia: scaletta, svolgimento e conclusione
Condividi su

Tema sulla disoccupazione giovanile in Italia: scaletta, svolgimento e conclusione

Di Selena
pubblicato il 15 dicembre

Vi hanno assegnato un tema sulla disoccupazione giovanile in Italia oggi? No Panic! Noi di ScuolaZoo vi diamo qui tutte le informazioni per svolgere questa traccia al meglio.

Tema sulla disoccupazione giovanile in Italia: scaletta, svolgimento e conclusione

Tema sulla disoccupazione in Italia oggi

La disoccupazione giovanile è un tema molto caldo e che, soprattutto, ci tocca da vicino. Ogni anno sono tantissimi i giovani costretti a lasciare l’Italia per trovare un impiego, nonostante numerose forze politiche dichiarino che in realtà, nel nostro Paese, il lavoro c’è. Visto che l’argomento è così d’attualità non è poi così improbabile che a scuola i professori decidano di affidarvi un tema sulla disoccupazione giovanile in Italia oggi. Se non avete idea di come cominciare e cosa scrivere non preoccupatevi, noi di ScuolaZoo vi daremo tutti gli strumenti necessari: scaletta, introduzione svolgimento e conclusione per il vostro saggio sulla disoccupazione.

State cercando un saggio breve su lavoro e disoccupazione giovanile? Leggete qui:

Se volete sapere come si scrive un tema in generale e capire come strutturarlo in ogni sua forma leggete anche:

tema-disoccupazione-giovanile (2)

Scaletta tema sulla disoccupazione giovanile

Vediamo, come prima cosa, la scaletta per il vostro tema sulla disoccupazione giovanile in Italia:

  • Introduzione: qui iniziamo a parlare dell’argomento della disoccupazione e di come i giovani diplomati e laureati spesso debbano emigrare all’estero per trovare lavoro.
  • Svolgimento: entriamo nel vivo del tema sulla disoccupazione giovanile, parliamo del perché esiste questo fenomeno, della politica (senza entrare troppo nel dettaglio), della questione pensionistica e delle poche tutele.
  • Conclusione: qui, dopo aver affrontato le cause guardiamo alle possibili soluzioni che si possono trovare per ridurre questo problema.

Tema sulla disoccupazione svolto: introduzione

La disoccupazione giovanile in Italia è un problema molto grave che, purtroppo, si protrae da anni. Da che abbiamo memoria, infatti, periodicamente sentiamo di indagini e approfondimenti inerenti la cosiddetta “fuga dei cervelli”, ossia giovani studenti che appena preso il diploma o la laurea devono emigrare in un altro paese per veder riconosciuto il loro percorso di studi con un’occupazione inerente a ciò che hanno studiato.

Il problema della disoccupazione giovanile: svolgimento

Il problema della disoccupazione giovanile è legato a svariate tematiche. La prima è che, nonostante la politica più volte abbia sostenuto che i posti di lavoro ci sono, i giovani si trovano spesso a dover collaborare con contratti a tempo determinato con uno stipendio minimo, oppure, ancora più spesso, si vedono costretti ad accettare lunghissimi stage non pagati. Anche il progetto dell’alternanza scuola-lavoro, atto proprio ad aiutare i ragazzi a inserirsi nel mondo imprenditoriale, non sta ottenendo il successo sperato. Sono attualissime le polemiche e le manifestazioni di ragazzi costretti a scendere in piazza per dire a gran voce che l’alternanza scuola-lavoro spesso non era svolta nel modo corretto e, invece di approfondire e imparare un mestiere, si trovavano relegati a fare i famosi “caffè e fotocopie”. Altro problema strettamente correlato a questa crescente disoccupazione giovanile è legato al fatto che molti lavoratori faticano ad andare in pensione: sia perché non vogliono sia perché l’azienda continua a tenerli, questo crea un notevole blocco nelle assunzioni dei giovani. Questa difficoltà a entrare nel mondo del lavoro per i giovani è un dramma non solo personale, ma ha ripercussioni su tutta la vita sia sociale che economica italiana: l’idea di fare una famiglia per i ragazzi si allontana sempre di più, come quella di comprare una casa o anche solo di andare in affitto. Atti semplici e banali per i nostri genitori, ora sono imprese degne di una scalata sull’Everest. Tutte queste cause, vanno poi aggiunte al problema salariale, ossia dello stipendio. Con il fatto che si è giovani, spesso capita che le aziende se ne approfittino e concedano ai ragazzi stipendi ridotti al minimo sindacale che bastano a malapena per pagare le bollette.

Conclusione tema disoccupazione giovanile: cause e soluzioni

Le cause della disoccupazione giovanile in Italia oggi sono quindi molteplici mentre le soluzioni tendono a scarseggiare. Servirebbe sicuramente una legislatura più precisa e meglio definita a riguardo, ma purtroppo i termini della burocrazia sono sempre lenti e difficili da modificare. Sicuramente una prima cosa da fare potrebbe essere quella di migliorare veramente l’alternanza scuola lavoro e renderla efficace, oltre a migliorare la gestione dei contratti da parte delle aziende i cui incentivi per assumere nuovo personale sono sempre troppo bassi.

Per un altro tema sul lavoro, non perdete:

Selena
Sono Selena, giornalista pubblicista appassionata di serie TV e di musica. Scrivo da quando ero bambina e, di nascosto, mi impossessavo della vecchia macchina da scrivere di mia mamma! Lavoro da 10 anni nel mondo del giornalismo e da qualche tempo conduco anche un programma radio.
Leggi altri articoli in Copiare a Scuola Scuola