Condividi
Mi presento tema svolto per le superiori: come scrivere la presentazione di sé stessi
Condividi su

Mi presento tema svolto per le superiori: come scrivere la presentazione di sé stessi

Di Alice Giusti
pubblicato il 11 luglio

Mi presento tema svolto superiori: come si scrive una presentazione di se stessi per il liceo o gli altri indirizzi di scuola superiore? Ecco come descriversi!

Mi presento tema svolto per le superiori: come scrivere la presentazione di sé stessi

Tema Descrivi te stesso: traccia “Mi presento” svolta per le superiori

Spesso le cose che sembrano più banali, sono invece le più difficili: dovete scrivere un tema di presentazione di voi stessi e all’idea andate nel panico? Capita un po’ a tutti per una serie di motivi. Il primo è che in genere il tema di presentazione viene chiesto il primo anno di scuole superiori, quindi questo vuol dire parlare di voi e magari leggere il vostro elaborato alla classe e a compagni che ancora non conoscete bene; inoltre, riuscire a scrivere un tema nel quale si descrive se stessi non è facile, soprattutto quando, oltre a esporre i meri dati anagrafici, bisogna parlare dei nostri sentimenti, del nostro carattere, relazioni, aspirazioni e modo di essere. Se, per questo motivo, siete alla ricerca di un tema mi presento svolto per le superiori e di una scaletta con consigli per scriverla, siete nel posto giusto: continuate a leggere per trovare le risposte che cercate!

Ti serve un tema di presentazione per le medie? Leggi:

Vuoi fare da solo? Allora leggi le nostre guide:

presentarsi superiori

Tema descrivi te stesso: scaletta

Come ogni tema che dovrete scrivere alle superiori, iniziate sempre dalla redazione di una scaletta con la quale strutturate il vostro tema per essere sicuri di non omettere niente e di organizzare il testo in modo logico e chiaro. Cosa scrivere in un tema di presentazione di se stessi?

  • Introduzione: potete iniziare il tema scrivendo i vostri dati anagrafici personali, come nome e cognome, anni (o data di nascita), dove vivete e che scuola frequentate. In questo modo romperete subito il ghiaccio in modo semplice e sicuro. Se ve la sentite, potete puntare però a qualcosa di più originale, partendo anche da una citazione a voi cara o da una battuta che vi rappresenta.
  • Svolgimento: anche in questo caso potete svolgere il tema in due modi diversi. Il modo più tradizionale è proseguire la presentazioni di se stessi parlando della vostra famiglia e delle vostre giornate tipo, così da elencare le cose che vi piacciono di più e svelare qualcosa sul vostro carattere, parlando anche dei vostri amici, della scuola, sport e hobby. Potete, in alternativa, dare libero sfogo descrivendo la vostra personalità, i vostri interessi e passioni con uno schema più libero (tipo flusso di coscienza), ma dovete avere una buona padronanza della lingua italiana e della scrittura.
  • Conclusione: nella conclusione, potete parlare delle vostre ambizioni, sogni per il futuro e dare la vostra opinione su voi stessi, analizzando punti di forza e difetti, o su come vorreste essere in futuro.

Tema presentazione di sé stessi superiori: introduzione

Presentarsi è la cosa più facile al mondo, o forse no. Se partiamo dalle formalità, non è certo complicato: mi chiamo Sofia Batini, ho 15 anni, abito da Pisa e mi sono appena iscritta al liceo linguistico. Tuttavia, il mio nome racconta poco di me, a parte forse capire la mia origine toscana visto che il mio cognome è tipicamente appartenente a questa regione. Come scriveva Shakespeare in Romeo e Giulietta, però, “Cosa c’è in un nome? Ciò che chiamiamo rosa anche con un altro nome conserva sempre il suo profumo”.

Tema mi presento liceo: svolgimento

Se dal mio nome si capisce poco, dalla citazione da me scelta si può forse capire che sono un’appassionata di libri, soprattutto classici e scritti da autori inglesi. È per questo motivo che ho deciso di scegliere il liceo linguistico: imparare bene l’inglese, studiare la letteratura inglese e altre lingue straniere, così da potere viaggiare e scoprire sempre nuove culture e persone. Non vedo infatti l’ora di fare gli scambi all’estero e di vedere tanti posti nuovi! Da questo punto di vista, sono molto diversa dal resto della mia famiglia: sia i miei genitori che zie e nonni hanno una formazione da ragionieri o tecnici, mentre io sono del tutto negata nello studio di materie come matematica o informatica… preferisco le materie umanistiche!

Nonostante questo, però, i miei genitori mi hanno sempre spinto a seguire i miei sogni e a fare le mie scelte in modo autonomo, cosa che spero di riuscire sempre a fare anche in futuro. Mio padre, poi, mi ha trasmesso la passione per la musica: lui suona da autodidatta chitarra e pianoforte, e io da molti anni ormai studio il piano, anche se mi piacerebbe provare a imparare la batteria (chissà, magari in futuro proverò). Inoltre, ascolto sempre molta musica, in particolare rock e punk – il mio gruppo preferito sono i Beatles – anche se ascolto anche musica contemporanea, in particolare i Coldplay, Paolo Nutini e gli U2.

Come tutti i ragazzi della mie età, amo anche uscire con le mie amiche, magari andando al cinema, a fare una passeggiata oppure ritrovandoci per una maratona di serie tv su Netflix! Peccato non avere tanto tempo libero durante la settimana: dopo la scuola, ho tre volte a settimana danza classica, mentre il martedì vado a lezione di pianoforte. Devo anche trovare il tempo di fare i compiti ogni giorno e poi la sera guardo con mia sorella un film o una puntata di una delle serie tv che stiamo seguendo. È una vita un po’ monotona, ma per il momento non mi lamento.

Tema su me stesso superiori: conclusione

Non riuscirei a scegliere degli aggettivi per descrivermi, ma spero di essere un tipo abbastanza gentile, solare e ottimista, anche se a volte mi intristisco senza motivo e ho un’ironia pungente che a volte può non essere capita e posso sembrare scontrosa o un po’ maligna. Mi piace anche la solitudine, anche se non potrei mai fare a meno degli amici e della famiglia, che so essere sempre accanto a me. In futuro, vorrei studiare Lingue e letteratura straniere all’università e diventare una traduttrice di libri. So che è una carriera molto lunga e difficile da intraprendere, ma spero di riuscire a raggiungere i miei sogni prima o poi.

Cerchi altri temi? Leggi: Temi d’attualità, argomenti, tracce svolte

Alice Giusti
Aspirante Jane Austen sin dalla tenera età, vivo con la valigia sempre pronta. Oggi Londra, domani Parigi, viaggio fisicamente o con la mente, basta un po’ di buona musica, un classico o una serie tv storica per farmi sognare. Appassionata di tutto ciò che è British, per vivere scrivo e mi piace talmente tanto che alla fine, mi sa, scrivo per vivere.
Leggi altri articoli in Suggerimenti Scuola Scuola