Condividi
Riassunto dettagliato L’Amico Ritrovato: personaggi e commento
Condividi su

Riassunto dettagliato L’Amico Ritrovato: personaggi e commento

Di Selena
pubblicato il 21 dicembre

A scuola vi hanno assegnato il riassunto de L’Amico Ritrovato di Fred Uhlman? Niente panico, lo abbiamo fatto noi per voi, con tanto di commento finale!

Riassunto dettagliato L’Amico Ritrovato: personaggi e commento

L’Amico Ritrovato Fred Uhlman, riassunto

L’Amico Ritrovato di Fred Uhlman è un libro molto importante e che, almeno una volta, va letto. Se però hai fretta perchè i professori ti hanno dato come compito il riassunto de L’Amico Ritrovato e tu non hai avuto tempo e mafari devi fare anche l’analisi del testo, noi di ScuolaZoo ti forniamo un riassunto breve, ma dettagliato de L’Amico Ritrovato. Prima di iniziare però inquadriamo storicamente sia l’autore, Fred Uhlman, che il libro. Il romanzo è stato pubblicato nel 1971 che racconta l’amicizia tra un ragazzo ebreo, Hans Schwarz e un bambino tedesco Konradin Von Hohenfels. L’Amico Ritrovato è ambientato nella Germania nazista ed è ispirato proprio alla vita dell’autore. La storia si snoda intorno all’amicizia dei due che è messa in difficoltà dalle leggi razziali e, dopo la fuga all’estero di Hans, solo anni dopo, terminata la Seconda Guerra Mondiale, scoprirà quale destino ha aspettato Konradin.

Per imparare a fare il riassunto di un testo narrativo in poche righe, leggi le nostre guide:

Foto Credits: ACADEMY – DOMOVIDEO, PANARECORD

Riassunto Breve L’Amico Ritrovato

Hans Schwarz è un ragazzino di 16 anni, ebreo, che vive a Stoccarda in Germania. La sua condizione familiare è altolocata e la sua famiglia è molto rispettata anche perchè i suoi genitori riescono a mantenere un ottimo rapporto sia con gli ebrei che con i cristiani. A febbraio del 1932 nella scuola di Hans arriva un nuovo ragazzo, Konradin, molto riservato e, anche lui, di nobile famiglia. Hans cerca di instaurare subito un rapporto con lui, ma in un primo momento il giovane Konradin non sembra proprio interessarsi a lui. Un giorno però Hans gli mostra la sua collezione di monete e, proprio grazie a questa, lui e Konradin diventano molto amici e passano spesso i pomeriggi a casa di Hans, instaurando un legame molto forte e speciale.

C’è qualcosa di strano però: Konradin non invita mai Hans a casa sua quando i genitori sono in casa. Una sera a teatro, Hans viene completamente ignorato dall’amico che era nella stessa sala in compagnia della mamma. Quando il giovane chiede spiegazioni a Konradin salta fuori la verità: la sua famiglia ha idee antisemite e non vogliono che lui frequenti ragazzi ebrei.

L’Amico Ritrovato, riassunto: il dilagare delle idee antisemite

Sullo sfondo della loro amicizia, intanto, si sviluppa il crescente odio nei confronti degli ebrei con la comparsa sulla scena politica di Adolf Hitler nel 1933. Le idee antisemite che porta avanti si propagano a macchia d’olio e l’ostilità cresce anche a scuola non solo tra i ragazzi, ma anche tra i professori. La superiorità presunta della razza ariana si fa sempre più forte e per gli ebrei inizia il momento più triste e tragico di tutta la storia dell’umanità. Hans stesso, in quanto ebreo, finisce sotto tiro e viene picchiato da un compagno, ma ciò che lo ferisce maggiormente sono i pregiudizi degli altri e il fatto che anche l’amico Konradin si stia lentamente allontanando da lui. La situazione precipita notevolmente e la famiglia di Hans decide di mandarlo in America da alcuni parenti per proteggerlo. Proprio poco prima della partenza Hans riceve una lettera da Konradin dove il ragazzo gli rinnova l’affetto e la stima nei suoi confronti, ma dichiara anche di essere molto affascinato dalla figura di Hitler che sembra un benefattore “mandato da Dio” per risollevare la Germania. Dopo la partenza di Hans, la famiglia del giovane, rimasta a casa inizia a subire angherie e, con il passare del tempo, il padre di Hans, un medico patriota decide di togliersi la vita, seguito dalla madre stessa.

L’Amico Ritrovato: la scoperta del destino di Konradin

Hans intanto cresce in America, ormai vive con gli zii e non vuole sapere più niente nè della Germania nè dell’amico Konradin. Si impegna a scuola, studia legge all’università e cerca di dimenticare il passato. Ad un certo punto però riceve una lettera dalla sua vecchia scuola in cui si trova la proposta di realizzare un monumento per gli studenti caduti durante la Seconda Guerra Mondiale per difendere la patria. Hans è combattuto, vorrebbe leggere i nomi dei suoi ex compagni per sapere cosa gli è successo, ma allo stesso tempo è terrorizzato e ancora arrabbiato. Alla fine, mosso dal coraggio e dalla curiosità apre la lettera e scorrendo i nomi delle vittime trova quello di Konradin, morto nel tentativo di organizzare l’assassinio di Adolf Hitler. Hans è sconvolto e sorpreso dal cambiamento di Konradin e così, questa rivelazione, riporta a galla tutti i sentimenti provati per l’amico ormai morto ma infine ritrovato.

Personaggi L’Amico Ritrovato

Vediamo allora brevemente un quadro dei due personaggi principali del racconto L’Amico Ritrovato:

  • Hans: un giovane ragazzo ebreo, proveniente da una famiglia benestante. Rimane particolarmente ferito dalla brutalità delle leggi razziali e dal comportamento dei suoi amici, Konradin su tutti.
  • Konradin: giovane ragazzo tedesco che nonostante la diversità con Hans decide coraggiosamente di diventargli amico nonostante i suoi genitori non vogliano che frequenti ragazzi ebrei. In un primo momento lo scopriamo affascinato da Hitler, ma con il colpo di scena finale si scopre la verità.

Riassunto L’Amico Ritrovato: commento

Questo romanzo di Uhlman, seppure breve, affronta diverse tematiche come l’amicizia, le discriminazioni, il coraggio, l’orrore della guerra. Tutte si intrecciano nella storia, come un unico fil rouge, raccontata in prima persona proprio da Hans che spiega ciò che gli succede, tra gioie e dolori. La vicenda culmina poi con questo colpo di scena finale sulla vita di Konradin che fa ancora riflettere il lettore su come i pregiudizi, spesso, possano colpire anche chi pensava di non averne. Tema centrale è comunque l’amicizia che nasce, cresce si spezza e poi si ritrova nonostante le enormi differenze dei due ragazzi.

Selena
Sono Selena, giornalista pubblicista appassionata di serie TV e di musica. Scrivo da quando ero bambina e, di nascosto, mi impossessavo della vecchia macchina da scrivere di mia mamma! Lavoro da 10 anni nel mondo del giornalismo e da qualche tempo conduco anche un programma radio.
Leggi altri articoli in Copiare a Scuola Scuola