Condividi
Perché studiare educazione alla legalità a scuola, l’appello di una studentessa
Condividi su

Perché studiare educazione alla legalità a scuola, l’appello di una studentessa

Di Redazione ScuolaZoo
pubblicato il 04 novembre

Alessia, 17 anni, ci dà interessanti spunti di riflessione non solo per un tema argomentativo, ma anche sul perché la legalità dovrebbe essere una materia scolastica.

Perché studiare educazione alla legalità a scuola, l’appello di una studentessa

Il segno indelebile lasciato da Falcone e Borsellino

Erano rispettivamente il 23 maggio e il 19 luglio 1992, quando, a distanza di 57 giorni l’uno dall’altro, due boati interrompevano la calma che regnava a Palermo: erano le due esplosioni che mettevano fine alle vite di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, nelle stragi di Capaci e di via D’Amelio. Da quel momento nulla è stato più come prima. La loro morte ha finalmente suscitato una reazione nei cuori delle persone, riuscendo a rompere quel muro di silenzio che si era creato e che negli anni era riuscito a rafforzarsi sempre di più. Hanno aperto sempre di più la ferita che, progressivamente, si era originata ed estesa dopo la morte delle già allora troppe vittime innocenti. Falcone e Borsellino sono stati uccisi perché cercavano giustizia, perché cercavano di cambiare la città che tanto amavano e che avevano visto oscurarsi sempre di più. Ma la verità è che ci hanno lasciato una grande eredità: il loro insegnamento alla legalità.

Falcone e Borsellino

La forza nascosta di ciò che vediamo

Si è soliti dire che un’immagine vale più di mille parole e, in effetti, la foto che ritrae Giovanni Falcone e Paolo Borsellino insieme, allegri e spensierati, è un’arma che non lascia scampo a nessuno: al suo cospetto si diventa inermi e indifesi. Nessuno può riuscire a resistere ad un sorriso così sincero, contagioso e raggiante, che non si spegne neanche di fronte alla consapevolezza di ciò che avrebbero dovuto affrontare: una lotta ardua ed estenuante contro quel male che da diversi anni attanaglia la nostra quotidianità, un male chiamato mafia, che talvolta  diventa quasi invisibile agli occhi di chi non vuole vedere ciò che procura tanto tormento. Perché loro non avevano paura della morte.

Ed è probabilmente questa l’immagine impressa nelle nostre menti che ci dà la forza di proseguire nella loro guerra contro la criminalità organizzata. Loro avevano un sogno che era ossigeno per le loro vite, un’ambizione che animava il loro sorriso e la loro speranza: desideravano eliminare la mafia e l’omertà, al fine di poter restituire giustizia a quelle vite che erano state sottratte e che erano state rovinate da un dolore più grande di loro. Ma la verità è che Paolo e Giovanni, così come tutti coloro che sono simbolo della lotta alla mafia, non sono morti, ma al contrario vivono ancora nei nostri ricordi, nelle lacrime versate ogni giorno a causa della sofferenza che la lotta procura, e nei pensieri che non svaniranno mai.

Il diritto alla legalità nelle scuole

Al giorno d’oggi, grazie anche al loro esempio, l’istruzione alla legalità si è diffusa sempre di più nelle scuole di ogni grado, e sono sempre di più le iniziative prese per diffondere le loro idee. Quindi perché insegnare legalità a scuola? La risposta è una sola: perché quel loro sorriso possa durare per sempre, e perché si continui a ricordare che la mafia, seppur in questi anni sia cambiata, è ancora presente tra noi. Così, ogni volta che guarderemo la foto dei nostri due eroi, potremo finalmente onorare la loro memoria, sorridere con loro e dire: “Noi non abbiamo paura”.

Scritto da Alessia Dalla Costa

Leggi anche:

(Foto Credits: Wikipedia)

Redazione ScuolaZoo
Leggi altri articoli in Suggerimenti Scuola Scuola