Condividi
Sciopero studenti per il clima: cosa succede in caso di assenza di massa da scuola?
Condividi su

Sciopero studenti per il clima: cosa succede in caso di assenza di massa da scuola?

Di Selena
pubblicato il 14 marzo

Se il 15 marzo 2019 volete scendere in piazza con tutti i vostri compagni di classi per la manifestazione sul clima potrete incorrere nei sanzionamenti per assenza di massa? Ecco cosa sapere.

Sciopero studenti per il clima: cosa succede in caso di assenza di massa da scuola?

Sciopero sul clima del 15 marzo: cosa succede in caso di assenza di tutta la classe?

Il 15 marzo 2019, per la prima volta in Italia, arriva lo sciopero sul clima. Si tratta di uno sciopero globale degli studenti di tutto il mondo che scenderanno in piazza per manifestare contro i cambiamenti climatici e per salvare il pianeta. Ma cosa succede se tutta la classe sarà assente? Potrebbero arrivare dei provvedimenti per assenza di massa? La manifestazione del 15 marzo 2019 nasce seguendo l’esempio di Greta Thunberg, una sedicenne che ha parlato in difesa del clima e dell’ambiente e ha dato vita al movimento Fridays for Future. Tutti i ragazzi delle scuole italiane, ma magari anche molti professori, vorranno così scendere in piazza per cercare di sensibilizzare l’opinione pubblica proprio sul tema del clima e dei cambiamenti climatici, ma, come abbiamo detto, i ragazzi sono preoccupati all’idea di ricevere una nota o una sanzione disciplinare per una assenza di massa nel caso partecipi alla manifestazione tutta la classe, più classi o addirittura un intero istituto. Cerchiamo allora di capire meglio quando possono essere presi dei provvedimenti scolastici in caso di assenza di massa e cosa dice il regolamento studentesco a riguardo.

Se stai cercando un tema sull’inquinamento ambientale, trovi qui lo svolgimento:

assenza-massa-sciopero-15-marzo-clima (1)

Sciopero 15 marzo 2019 per il clima: cos’è l’assenza di massa e le possibili sanzioni

Come prima cosa bisogna sapere che con assenza di massa si intende un’assenza di almeno il 75% degli studenti. Le sanzioni e i provvedimenti che gli insegnanti e i dirigenti scolastici possono prendere sono variabili e dipendono da istituto a istituto e da caso a caso. Possono consistere in un allontanamento da scuola per un periodo che va dai 3 ai 5 giorni oppure dalle lezioni per un periodo tra i 6 e i 15 giorni, l’allontanamento da scuola per alcune ore oppure delle note disciplinari. Le assenze di massa poi, generalmente, non possono essere giustificate singolarmente con la compilazione del libretto, ma è importante che venga almeno un genitore o chi ne fa le veci a scuola a parlare con gli insegnanti (se gli studenti sono minorenni).

Assenza di massa per lo sciopero del 15 marzo: cosa fare?

Per sapere quindi se nel vostro istituto l’assenza di massa è o meno sanzionata bisogna prendere in mano il regolamento scolastico e leggerlo. Soltanto così saprete se la partecipazione, magari di tutta la classe, a questa manifestazione per il clima può essere sanzionata oppure no dei professori e dai dirigenti. Vi ricordiamo però che, visto che questa volta non si tratta di un’assenza di massa per evitare un compito in classe o per far dispetto a un professore, ma per una manifestazione dallo scopo alto come quella della difesa del nostro pianeta e di sensibilizzazione ai cambiamenti climatici, potrete cercare di parlare con i professori e con il dirigente scolastico e chiedere se, almeno in questo caso, si può giustificare la vostra partecipazione alla manifestazione come una normale assenza senza incorrere in sanzioni.

(Fonte immagini pixabay)

Selena
Sono Selena, giornalista pubblicista appassionata di serie TV e di musica. Scrivo da quando ero bambina e, di nascosto, mi impossessavo della vecchia macchina da scrivere di mia mamma! Lavoro da 10 anni nel mondo del giornalismo e da qualche tempo conduco anche un programma radio.
Leggi altri articoli in News Scuola