Condividi
Maturità 2019: date e cosa sapere sulle sessioni suppletive se non hai potuto sostenere l’esame
Condividi su

Maturità 2019: date e cosa sapere sulle sessioni suppletive se non hai potuto sostenere l’esame

Di Chiara Greco
pubblicato il 05 luglio

Suppletive Maturità 2019: scopri quando sono le date delle prove scritte e come funziona per chi non ha ancora sostenuto l’esame di Stato!

Maturità 2019: date e cosa sapere sulle sessioni suppletive se non hai potuto sostenere l’esame

Esame Maturità 2019: le date delle prove suppletive e cosa sapere se devi sostenerle

La Maturità 2019 sta per chiudere i battenti: gli ultimi colloqui orali si svolgeranno in questi giorni, mentre altri studenti hanno già ricevuto il voto finale. C’è però qualcuno che non ha sostenuto ancora le prove scritte e l’orale: sono coloro che il 19 giugno non potevano presentarsi alle prove per motivi particolarmente gravi e quindi dovranno sostenere la Maturità nella sessione suppletiva. Noi di ScuolaZoo vi daremo tutte le informazioni sulle date e che cosa c’è da sapere sulla sessione extra di Prima, Seconda Prova e orale!

prove suppletive maturità 2019

Prove suppletive Maturità 2019: le date

Le prove suppletive di Maturità 2019 si tengono per tutti gli studenti che, a causa di motivi particolarmente importanti, non hanno potuto sostenere l’esame di Stato nella sessione ordinaria, cioé a partire dal 19 giugno 2019. Le date delle sessioni suppletive sono già state decise dal Miur, eccole:

  • Prima Prova sessione suppletiva: 3 luglio 2019;
  • Seconda Prova sessione suppletiva: 4 luglio 2019 (e giorni successivi per gli istituti dove la seconda prova si svolge in più giorni)
  • Sessione Terza Prova suppletiva (solo per gli istituti interessati): 9 luglio 2019.

Oltre a queste date, la commissione può decide di stabilire delle sessioni straordinarie qualora si dovesse verificare che uno studente non può presenziare nè alle prove ordinarie nè a quelle suppletive.

Prove suppletive: che cosa sapere sulle sessioni extra di Maturità 2019

Di base, si tratta di prove identiche a quelle ordinarie: la Prima Prova è un tema scritto, con le tracce scelte dal Miur tra cui scegliere quella da sviluppare. Le tracce ovviamente non sono identiche a quelle del 19 giugno, lo si fa per una questione di correttezza nei confronti di chi ha sostenuto la Maturità senza conoscere il contenuto delle prove in precedenza. Idem per la Seconda Prova: le tracce elaborate sono del tutto nuove ma in linea con le difficoltà di quelle scelte per il 20 giugno 2019.

(Credits Immagini: Pixabay)

Chiara Greco
Abitante del mondo in tutte le sue forme e i suoi colori. Sono una studentessa, si spera, alla fine del suo percorso universitario in mediazione linguistica e culturale. Il mio hobby principale è cercare di rendere i miei sogni una realtà concreta, per questo ho deciso di buttarmi in questa avventura come scrittrice (ancora alle prime armi e che ha ancora tanto da imparare). Il filo delle mie passioni traccia trame e disegni impensabili e senza confini: scrittura, lettura, cucina, cinema, musica, scienza, fisica, viaggi
Leggi altri articoli in News Maturità Maturità