Condividi
Versione di Latino Maturità 2019: cosa sapere se l’autore è Vitruvio
Condividi su

Versione di Latino Maturità 2019: cosa sapere se l’autore è Vitruvio

Di Raffaella Berardi
pubblicato il 13 giugno

Seconda Prova Liceo Classico 2019: se Vitruvio fosse l’autore protagonista della Maturità 2019? Non fatevi cogliere impreparati e leggete la nostra guida, dove trovate tutte le informazioni sulla sua vita, le opere, lo stile e i consigli per la traduzione.

Versione di Latino Maturità 2019: cosa sapere se l’autore è Vitruvio

Versione di Latino 2019: traccia su Vitruvio

La data della Seconda Prova 2019 si avvicina e gli studenti potrebbero ritrovarsi ad affrontare la traccia di traduzione di un testo di Vitruvio, uno tra i possibili autori scelto dal Miur per la nuova Maturità 2019. Ormai, i maturandi del liceo classico sanno bene cosa gli aspetta: una prova multidisciplinare di latino e greco. Se Vitruvio vi spaventa, noi vi aiutiamo a sconfiggere la paura con una guida che contiene tutto quello che dovete sapere sulla vita, le opere, lo stile e i trucchi per rendere più semplice l’analisi e la traduzione del testo protagonista della Seconda Prova 2019.

Vuoi conoscere le biografie degli altri autori più quotati per la versione di latino? Non perdere:

vitruvio versione latino maturità 2019

Seconda prova di Latino Maturità 2019: riassunto vita di Vitruvio

Scarse e incerte sono le notizie sulla vita di Marco Vitruvio Pollione e le poche informazioni sull’esistenza dell’architetto e scrittore romano sono state ricavate dalle note autobiografiche presenti nella sua opera De architectura, scritta probabilmente tra il 29 e il 23 a.C.

Passato alla storia come il più famoso teorico dell’architettura di Vitruvio sappiamo che dovrebbe essere nato nell’80 a.C., ma non vi è certezza sul luogo e diverse sono le città indicate come possibili luoghi che hanno dato i natali allo scrittore: Roma, Fano, Fondi, Verona, Formia, l’area campana e addirittura la Numbia.

Secondo i dati contenuti nella prefazione del De architectura, Vitruvio fu ufficiale sovrintendente delle macchine da guerra per Giulio Cesare, attività che portò avanti anche durante il secondo triumvirato di Ottaviano. Inoltre, grazie all’intercessione di Ottavia, sorella dell’imperatore, a Vitruvio fu garantita la pensione dopo la cessazione dell’attività e il ritiro a vita privata. Sembra che a Roma, oltre agli incarichi nel settore militare e probabilmente sotto Agrippa, si sia occupato dell’amministrazione della acque per alcuni anni oltre a curare la costruzione della Basilica di Fano, attività che fanno di  Vitruvio, presumibilmente, un appartenente all’ordo degli apparitores, gli specialisti che collaboravano con i magistrati nella realizzazione di opere pubbliche.

Le proporzioni del corpo umano che Vitruvio inserì all’interno del De architectura, ispirarono il famoso disegno realizzato a penna e inchiostro su carta da Leonardo da Vinci nel 1490 il cui nome, Uomo Vitruviano, è un omaggio del genio fiorentino a Vitruvio.

Seconda prova di Latino Maturità 2019: opere più importanti di Vitruvio

L’opera più importante di Vitruvio è il trattato De architectura dedicato all’imperatore Augusto, scritto probabilmente tra il 29 e 23 a.C. e composto da 10 libri:

  • Libro I – definizione del vasto campo dell’architettura e delle competenze dell’architetto
  • Libro II – descrizione dei materiali, murature e tecniche edificatorie
  • Libri III e IV – gli edifici sacri e gli ordini architettonici
  • Libro V – gli edifici pubblici
  • Libro VI e VII – gli edifici privati
  • Libro VIII – descrizione di mirabilia aquarum e le opere idrauliche
  • Libro IX – digressione astronomica e astrologica
  • Libro X – meccanica

È l’unica opera antica sull’architettura sopravvissuta al tempo e giunta più o meno integra fino a noi. È considerata la base teorica dell’architettura occidentale e una delle fonti più importanti per imparare a conoscere la storia dei metodi costruttivi e di progettazione delle strutture degli antichi romani.

Seconda prova di Latino Maturità 2019: stile di Vitruvio

Lo stile di Vitruvio è caratterizzato dagli elementi tipici del latino parlato e dall’utilizzo di diminuitivi che assumo significati propri e non si limitano ad essere solo il risultato di una modifica del nome da cui derivano. Inoltre, l’architetto e scrittore romano non cerca o inventa parole nuove, ma preferisce trascrivere in latino termini greci di cui lascia invariate le desinenze e ricava lemmi appartenenti ad altre aree di significato per utilizzarli nel campo dell’architettura. Fa anche largo uso di sostantivi astratti al plurale.

Seconda prova di Latino Maturità 2019: come tradurre Vitruvio

È arrivato il momento di dedicarci alla traduzione quindi ecco alcuni trucchi per affrontare la versione di latino:

  • Comincia dall’inizio: leggi. Può sembrare un consiglio ovvio, ma non lo è. Molti studenti non appena si ritrovano davanti il brano da analizzare si precipitano a consultare il vocabolario. Invece è importante procedere per step e la prima cosa da fare è leggere e rileggere il testo per capire l’argomento. Non dimenticare di prestare attenzione anche alle informazioni che puoi ricavare da titolo ed eventuali didascalie e note.
  • Continua cercando i verbi. Dividi il brano in periodi e per ogni proposizione individua il verbo principale, facendo attenzione a tempo e modo, e il soggetto collegato. Prosegui analizzando gli altri elementi come complemento oggetto e proposizioni subordinate.
  • Traduci utilizzando il vocabolario. Dopo aver analizzato le frasi di ogni periodo, consulta il vocabolario per tradurre le parole che non conosci o quelle di cui non ricordi il significato. Rileggi la prima stesura e assicurati che la traduzione non si discosti troppo dal testo originale.
  • Dal latino all’italiano. Organizza il testo tradotto in un italiano corretto sotto il profilo linguistico, sintattico e ortografico e ricordati che non devi manipolare il pensiero dell’autore, tutt’altro: cerca di restare fedele al testo.

(Credits Immagini: Wikipedia)

Raffaella Berardi
Quando pensi di aver chiuso con tutto quello che gravita intorno al mondo scolastico ti ritrovi a scriverne. Aveva ragione mia nonna quando mi ripeteva sempre: "la vecchia a 100 anni ancora doveva imparare". Beh, io ho decisamente ancora tanto da imparare e ho deciso di farlo insieme a voi!
Leggi altri articoli in Seconda Prova Maturità Maturità