Condividi
Riassunto Giacomo Leopardi: schema, biografia, pensiero e frasi
Condividi su

Riassunto Giacomo Leopardi: schema, biografia, pensiero e frasi

Di Chiara Greco
pubblicato il 10 febbraio
Riassunto Giacomo Leopardi: schema, biografia, pensiero e frasi

Leopardi, riassunto: biografia in sintesi, opere, poetica e frasi più belle

Giacomo Leopardi è uno degli autori più amati e studiati dagli studenti di scuola superiore: le sue poesie, il suo pensiero e la profondità con cui solitamente viene affrontato in classe aiutano a rendere questo autore della letteratura italiana un po’ meno pesante degli altri. Il genio dell’Infinito è anche tra gli autori più chiesti alla Maturità quindi conviene essere ben preparati per un’interrogazione sulla sua biografia, sulle sue opere o sulla poetica onde evitare un brutto voto o una pessima figura con il commissario esterno. Se avete bisogno di una mano, vi trovate nel posto giusto: qui vi daremo tutte le informazioni più importanti su Giacomo Leopardi per prepararvi ad un’interrogazione da 10 e lode!

Biografia Giacomo Leopardi: cronologia e eventi più importanti

La storia di Leopardi è molto affascinante e sicuramente tanti aspetti della sua infanzia e della sua vita personale hanno influito nella sua poetica e nel suo stile di scrittura. Ecco la cronologia della biografia di Giacomo Leopardi:

  • 29 giugno 1798. Leopardi nasce a Recanati
  • 1817. Inizio dell’amicizia con Pietro Giordano
  • 1819. Periodo di crisi in cui Leopardi iniziò a soffrire di gravi problemi alla vista
  • 1822-1823. Soggirno a Roma
  • 1825. Trasferimento a Milano e inizio delle pubblicazioni con l’editore Stella
  • 1826-1827. Ritorno a Recanati
  • 1827-1828. Il risorgimento degli affetti tra Pisa, Bologna e Firenze
  • 1830. Ritorno a Firenze e nomina di deputato dell’assemblea fiorentina
  • 1833. Trasferimento a Napoli con l’amico Ranieri
  • 14 giugno 1837. Morte di Giacomo Leopardi a Napoli

Cronologia delle opere principali e minori di Giacomo Leopardi

  • 1809-1816. Iniziano i sette anni di studio matto e disperatissimo, scrittura delle prime operette e traduzione dei classici
  • 1816. Composizione letteraria dei primi testi poetici più importanti
  • 1817. Inizio della stesura dello Zibaldone
  • 1818. Composizione di due canzoni civili All’Italia, Sopra il monumento di Dante e il Discorso di un italiano sopra la poesia romantica
  • 1819. Composizione dei primi idilli
  • 1820. Composizione di altre canzoni civili Ad angelo mai, Bruto minore e La sera del di’ di festa
  • 1824. Composizione delle prime venti Operette morali, poi pubblica le Canzoni
  • 1827. lascia Recanati e vive fra Bologna e Firenze. Esce la prima edizione delle Operette morali
  • 1828-1830. Tornato alla poesia compone A Silvia oltre ai canti Le ricordanze, La quiete dopo la tempesta, Il sabato del villaggio.
  • 1836. Composizione di La ginestra
  • 1837. Composizione il Tramonto della Luna

Per approfondire la biografia, leggi qui:

Poetica di Leopardi: gli aspetti principali del suo pensiero

La poetica leopardiana è molto complessa e caratterizzata da diversi aspetti molto particolari e importanti da approfondire per capire a pieno le sue opere. Qui abbiamo riportato i tre principali aspetti del pensiero di Giacomo Leopardi:

  • Pessimismo cosmico. Il suo pessimismo, trasformato da storico a cosmico si riassume in un concetto molto preciso: tutti gli uomini vivono in una condizione di infelicità perenne e questa cosa non si può evitare in alcun modo perché perenne e immutabile.
  • Natura Matrigna. Mentre l’uomo patisce la sua condizione di infelicità totale, la natura osserva tutto impassibile, non curante delle tristi sorti a cui è destinato l’uomo.
  • Teoria del Piacere. L’uomo è alla costante ricerca del proprio piacere, una situazione che non arriva mai una fine perché l’essere umano è destinato al desiderio di questa condizione per sempre, senza mai raggiungerla pienamente. Niente riuscirà mai ad appagare l’uomo perché la ricerca di piacere è una situazione infinita, mentre tutti i piaceri terreni sono finiti.

Le frasi più belle di Giacomo Leopardi

Una penna unica e inimitabile come quella di Giacomo Leopardi ha prodotto diverse meraviglie, tra poesie, canti, testi in prosa e in rima. Ecco le frasi più belle e più importanti scritte dall’autore di Recanati:

  • “La poesia malinconica e sentimentale è un respiro dell’anima”
  • “La vita e l’assoluta mancanza d’illusione, e quindi di speranza, sono cose contraddittorie”
  • “L’immaginazione è la prima fonte della felicità umana”
  • “Pochi possono essere grandi (e nelle arti e nella poesia forse nessuno) se non sono dominati dalle illusioni”
  • “La guerra più terribile è quella che deriva dall’egoismo, e dall’odio naturale verso altrui, rivolto non più verso lo straniero, ma verso il concittadino, il compagno”

(Credits copertina: Wikipedia)

Chiara Greco
Abitante del mondo in tutte le sue forme e i suoi colori. Sono una studentessa, si spera, alla fine del suo percorso universitario in mediazione linguistica e culturale. Il mio hobby principale è cercare di rendere i miei sogni una realtà concreta, per questo ho deciso di buttarmi in questa avventura come scrittrice (ancora alle prime armi e che ha ancora tanto da imparare). Il filo delle mie passioni traccia trame e disegni impensabili e senza confini: scrittura, lettura, cucina, cinema, musica, scienza, fisica, viaggi
Leggi altri articoli in Suggerimenti Scuola Scuola