Condividi
Riassunto Emma di Jane Austen: analisi completa, trama e personaggi
Condividi su

Riassunto Emma di Jane Austen: analisi completa, trama e personaggi

Di Raffaella Berardi
pubblicato il 20 settembre

Dovete leggere il romanzo Emma di Jane Austen? Non sapete da che punto partire con l’analisi? Qui trovate tutto ciò che fa per voi!

Riassunto Emma di Jane Austen: analisi completa, trama e personaggi

Romanzo Emma di Jane Austen: l’analisi completa

Se c’è una scrittrice che può dire di essersi aggiudicata il primo posto nel cuore di milioni di lettori quella è Jane Austen, autrice di romanzi che ancora oggi appassionano i book lover di tutto il mondo conquistati da donne come Emma la protagonista che dà il titolo a una delle opere più famose della Austen, pubblicata per la prima volta in forma anonima nel 1815. Emma è la giovane protagonista del romanzo, il cui tema principale è il fraintendimento in amore: rispetto alle altre eroine dei romanzi, Emma non è inizialmente coinvolta da questo sentimento e vede il matrimonio come un freddo accordo economico. Nonostante ciò la giovane fanciulla sfrutta le risorse economiche della famiglia per organizzare grandi feste di matrimonio, godendo di un’indipendenza alquanto inedita per le ragazze di quei tempi. Noi di ScuolaZoo ti aiuteremo a capire meglio il romanzo di Jane Austen e ti daremo tutte le dritte per fare un compito perfetto su Emma!

Se hai bisogno di altro materiale sulle opere di Jane Austen, non perdere:

Emma: il riassunto e l’analisi del romanzo di Jane Austen

Sin dall’incipit Emma Woodhouse viene descritta come una giovane donna bella, intelligente e ricca, con una casa confortevole e un carattere allegro orfana di madre e con un padre, Mr. Wooodhouse, ipocondriaco e dedito alla cura della propria salute e alla sicurezza dei suoi cari.
Il romanzo della Austen si apre con le nozze della governante di Emma, la signorina Taylor, amica e confidente della protagonista che ha il merito di averle presentato il futuro marito, Mr. Weston. Convinta di essere l’artefice dell’unione tra la signorina Taylor e Mr. Weston, Emma decide di organizzare un altro matrimonio non appena si presenterà l’occasione, ma incontra il parere contrario del suo amico Mr.Knightley, fratello maggiore del cognato di Emma, che non apprezza l’idea della giovane di combinare il fidanzamento tra la diciassettenne Harriet Smith e il vicario del villaggio Mr. Elton.
Sorda ai consigli dell’amico, per indurre Harriet a scegliere Mr. Elton Emma persuade l’amica a rifiutare la proposta di matrimonio di Mr. Martin, un giovane e rispettato agricoltore, ma le cose si complicano quando scopre che Mr. Elton non è altro che un arrampicatore sociale interessato a sposare proprio lei e non Harriet.
Emma rifiuta la proposta, Mr. Elton parte e mentre la protagonista cerca di consolare l’amica, le cose cambiano nuovamente con l’arrivo a Highbury di Frank Churchill (il figliastro dei coniugi Weston che vedrebbero di buon occhio un matrimonio tra lui ed Emma) e di Jane Fairfax, la bella e talentuosa nipote di Miss Bates.
A far ritorno a Highbury è anche Mr. Elton che si è sposato e porta con sé la moglie, una donna frivola e altezzosa, che non attira le simpatie di Emma tanto che non passerà troppo tempo prima che le due donne capiscano di essere così diverse da non poter fare altro che detestarsi.
A non attirarsi le simpatie di Emma non è solo la moglie di Mr. Elton perché un senso d’insofferenza la ragazza scopre di provarlo anche nei confronti di Jane, probabilmente a causa della riservatezza della giovane che la protagonista scambia per freddezza, e nell’intento di cercare un piccolo difetto nella fastidiosa perfezione di Jane, Emma decide che il motivo che ha portato la ragazza a vivere da Miss Bates e l’amore non dichiarato per Mr. Dixon.
Ma chi è Mr. Dixon? A questo punto è necessario fare un passo indietro nella vita di Jane.
Scopriamo così che la ragazza ha vissuto con la zia, Miss Bates, e la nonna fino all’età di nove anni per poi essere accolta nella casa del Colonnello Campbell, vecchio amico del padre di Jane, che le ha permesso di ricevere un’educazione eccellente a differenza di quel che sarebbe accaduto se la giovane avesse continuato a vivere con la zia le cui finanze non godevano di buona salute.
Gli anni vissuti a casa Campbell permettono a Jane di diventare molto amica della figlia del Colonnello ma è proprio quando quest’ultima sposa Mr.Dixon che secondo le supposizioni di Emma tutto cambia: segretamente innamorata del marito della sua amica Jane decide di tornare a vivere con la zia invece di far visita alla coppia di novelli sposi.
A crescere però non sono solo i sospetti di Emma verso Jane, complice il regalo di un misterioso benefattore che dona alla nipote di Miss Bates un pianoforte, ma anche l’interesse della ragazza verso Frank. Emma pensa di nutrire un sentimento d’amore nei confronti dell’amico ma si accorge ben presto di essere legata a lui solo da una sincera simpatia e prova in tutti i modi a combinare un fidanzamento tra Harriet e Frank mentre Mrs. Weston le confida che secondo lei Mr. Knightley è innamorato di Jane.
La notizia non lascia indifferente Emma che a causa del suo pessimo comportamento nei confronti di Miss Bates discute aspramente con Mr. Knightley e proprio quando siamo convinti che la Austen abbia sparato tutte le sue cartucce inaspettatamente i giochi cambiano, si scopre che Jane e Frank sono segretamente fidanzati da un anno e mentre Emma è angosciata dall’idea che questo possa ferire Harriet l’amica le confida di essersi innamorata di Mr. Knightley ed è convinta di essere ricambiata.
A questo punto, complice la gelosia, Emma capisce che la verità è sempre stata sotto i suoi occhi: è innamorata di Mr. Knightley!
Quasi al termine del romanzo Mr. Knightley chiede la mano di Emma e Harriet accette di sposare Mr. Martin dopo essersi riconciliata con lui.
L’opera termina con il matrimonio di Emma, organizzato dopo di quello di Harriet e prima dell’unione tra Jane e Frank.

Scheda dei principali personaggi di Emma

I tanti intrecci e i troppi nomi vi hanno confuso le idee? Niente paura, ecco la nostra scheda dei principali personaggi di Emma:

  • Emma Woodhouse: protagonista della storia. La giovane Emma è una donna bella, intelligente, sicura di sé, che ama organizzare matrimoni e dimostra di avere molta pazienza verso il padre ipocondriaco a cui è legata dopo la scomparsa della mamma. Emma è una persona di buon cuore ma non per questo immune agli errori, a volte gravi, causati principalmente da un mix d’inesperienza e ingenuità.
  • Mr. Knightley: è il fratello maggiore del cognato di Emma e migliore della protagonista. È un uomo buono e riflessivo, spesso critico nei confronti di Emma al punto tale da arrivare anche a rimproverarla e infine…. a sposarla!
  • Harriet Smith: è la giovane amica di Emma, donna dal carattere dolce e facilmente influenzabile. Harriet si lascerà convincere da Emma a rifiutare la proposta di matrimonio di Mr. Martin per sposare Mr. Elton che contrariamente ai piani delle ragazze si scopre interessato a Emma e alla sua posizione sociale. Nel corso della storia Harriet finirà per innamorarsi di Mr. Knightley da cui Emma l’allontanerà scoprendosi gelosa e anche lei innamorata del suo vecchio amico.
  • Mr. Elton: vicario del villaggio. È uomo interessato alla scalata sociale e per raggiungere il suo obiettivo chiederà Emma in moglie ma davanti al rifiuto di quest’ultima deciderà di sposarsi con una donna superficiale e dal carattere altezzoso che entrerà in contrasto con la protagonista del romanzo.
  • Frank Churchill: figliastro dei coniugi Weston che aspirano a un matrimonio tra il giovane 23enne ed Emma, Frank è legato alla protagonista del romanzo da una sincera amicizia che per un breve momento la ragazza scambia per innamoramento accorgendosi quasi subito dell’errore. È segretamente fidanzato con Jane Fairfax e alla fine la sposerà.
  • Jane Fairfax: nipote di Miss Bates, Jane è una ragazza dal grande talento musicale che ha vissuto la sua adolescenza presso la casa del Colonello Campbell, vecchio amico di suo padre, dove ha ricevuto un’educazione eccellente che le esigue finanze della zia Bates non potevano garantirle. Sposerà Frank Churchill.

Emma, commento del romanzo di Jane Austen

Quello che appare evidente una volta terminata la lettura del romanzo è la differenza tra Emma e le altre protagoniste delle opere di Jane Austen come Elizabeth Bennet di Orgoglio e Pregiudizio o Anne Elliot di Persuasione.
Pur incarnando le caratteristiche tipiche dello stereotipo di ragazza appartenente a una buona famiglia dei primi anni dell’Ottocento, Emma sembra essere più un’anti-eroina che la rassicurante figura femminile che ci si aspetta di trovare in un racconto che mette al centro il fraintendimento amoroso, tanto che la stessa Austen prima d’iniziare la stesura del romanzo dichiarò: “sto per descrivere un’eroina che non potrà piacere a nessuno, fuorché a me stessa”.
Pagina dopo pagina le parole dell’autrice sulla protagonista dell’omonima opera diventano sempre più reali e comprensibili al lettore che prova nei confronti di Emma un sentimento contraddittorio tendendo ora alla comprensione, ora all’antipatia.
Emma è una ragazza dall’animo allegro ma dai modi superficiali che vuole rendere felici le persone che la circondano, ma commette errori che possono diventare la causa di grandi infelicità proprio per le persone a lei care. Nonostante l’inesperienza e quel pizzico d’indubbia vanità, la protagonista è anche una donna capace di farsi carico dei propri errori senza incolpare altri se non se stessa ed è tornando sui suoi passi che Emma imparerà a vedere il matrimonio (atto che giudica di sottomissione e verso cui non prova interesse) non come un accordo puramente economico ma come consacrazione del sentimento del vero amore che scoprirà esserle stato sempre accanto nei panni del saggio e affascinante Mr. Knightley.

(Foto Cover – Emma, Miramax / Interno – Emma, Miramax)

Raffaella Berardi
Quando pensi di aver chiuso con tutto quello che gravita intorno al mondo scolastico ti ritrovi a scriverne. Aveva ragione mia nonna quando mi ripeteva sempre: "la vecchia a 100 anni ancora doveva imparare". Beh, io ho decisamente ancora tanto da imparare e ho deciso di farlo insieme a voi!
Leggi altri articoli in Suggerimenti Scuola Scuola