Condividi
Bocciatura superiori 2020: quando si può non essere ammessi?
Condividi su

Bocciatura superiori 2020: quando si può non essere ammessi?

Di Chiara Greco
pubblicato il 21 maggio

Quest’anno saranno tutti promossi ma la bocciatura rimane per coloro che presentano un quadro scolastico molto critico già dal primo quadrimestre: che cosa significa? Te lo spieghiamo in questo articolo!

Bocciatura superiori 2020: quando si può non essere ammessi?

Bocciatura alle superiori: chi rischia, motivi e che cosa ha detto il Miur

La notizia della promozione per tutti gli studenti ha generato una certa sorpresa quando è stata annunciata dal Miur, soprattutto per chi sognava da tempo una situazione del genere. Purtroppo, però, il Ministero ha fatto una piccola precisazione sulla questione, spiegando che tutti saranno promossi, anche chi ha qualche insufficienza in pagella, ma la bocciatura non è del tutto abolita: chi presenta una situazione particolarmente compromessa già dal primo quadrimestre può essere bocciato, sempre se il consiglio di classe è d’accordo. Ma quindi cosa succede alle superiori? E chi si trova a rischio bocciatura, alla luce delle nuove direttive del Ministero? Ve lo spieghiamo in parole semplici!

Non perdere:

scuola superiori quando rischi bocciatura

Scuole superiori: chi rischia la bocciatura?

Nell’ordinanza del Miur sulle valutazioni finali, pubblicata il 16 maggio 2020, è stato chiarito che tutti gli studenti potranno essere ammessi alle classi successive ad eccezione di coloro che presentano gravi insufficienze già dal primo quadrimestre. Questo che cosa significa in pratica? Di base, per essere ammessi al nuovo anno scolastico (anche con delle insufficienze in pagella) non dovete presentare un quadro particolarmente critico già dal primo periodo di scuola. In altre parole, chi ha avuto gravi insufficienze nel primo trimestre/quadrimestre e non le ha recuperate entro la fine dell’anno, andando ad accumulare altre lacune e cattive valutazioni, rischia la bocciatura.

Scuola: chi decide la bocciatura e motivi

Il Miur lascia grosso spazio al consiglio di classe per stabilire chi dev’essere bocciato. Quest’anno la promozione verrà data a tutti, compresi coloro che hanno qualche insufficienza in pagella. Chi invece ha accumulato cattive valutazioni già dal primo periodo dell’anno scolastico, rischia di non essere ammesso. La decisione, però, spetta ai professori: verrà presa caso per caso tenendo conto di diversi fattori, tra cui le possibilità date per recuperare, il tempo messo a disposizione per mettersi in pari con la classe e il modo in cui l’alunno si è approcciato alla materia in cui ha avuto diverse insufficienze. Sicuramente si verrà incontro a tutti quei ragazzi che non hanno potuto recuperare per motivi legati alla didattica a distanza,o a coloro che hanno provato a recuperare ma, per mancanza di lezioni in presenza, non hanno avuto modo di dare il massimo.

Leggi anche:

(Credits immagini: Unsplash)

Chiara Greco
Abitante del mondo in tutte le sue forme e i suoi colori. Sono una studentessa, si spera, alla fine del suo percorso universitario in mediazione linguistica e culturale. Il mio hobby principale è cercare di rendere i miei sogni una realtà concreta, per questo ho deciso di buttarmi in questa avventura come scrittrice (ancora alle prime armi e che ha ancora tanto da imparare). Il filo delle mie passioni traccia trame e disegni impensabili e senza confini: scrittura, lettura, cucina, cinema, musica, scienza, fisica, viaggi
Leggi altri articoli in News Scuola