Condividi
Maturità 2019, più 100 e lode e meno 60: tutti i risultati del nuovo Esame di Stato
Condividi su

Maturità 2019, più 100 e lode e meno 60: tutti i risultati del nuovo Esame di Stato

Di Alice Giusti
pubblicato il 22 luglio

Voti Maturità 2019: volete sapere come sono andati quest’anno gli Esami di Stato rispetto all’anno precedente? Ecco tutti i risultati pubblicati dal Miur!

Maturità 2019, più 100 e lode e meno 60: tutti i risultati del nuovo Esame di Stato

Voto Maturità 2019: tutti i risultati del Miur

Il nuovo Esame di Stato è più difficile o facile della vecchia Maturità? Una prima risposta arriva oggi con la pubblicazione dei risultati della Maturità 2019 da parte del Miur: da quanto emerge dal rapporto del Ministero, i voti dei diplomati di quest’anno sono sempre più polarizzati o verso l’alto (aumentano i 100 e lode) o verso il basso, in quanto sono diminuiti i voti tra il 71 e il 90, ma sono aumentati i voti tra il 61 e il 70. In discesa, però, è la percentuale dei 60. Insomma, un risultato variegato che adesso presentiamo nel dettaglio per capire come è andata complessivamente questa Maturità 2019.

Non perdere anche:

risultati maturità 2019

Risultati Maturità 2019: tutti i voti

Come riporta il Miur,  quest’anno si è assistito da una parte all’aumento sia degli ammessi agli Esami che dei 100 e lode, mentre diminuiscono complessivamente gli studenti che hanno conseguito un voto superiore a 70/100. Aumentano quindi i voti nella fascia “bassa” tra 61 e 70, ma diminuiscono i 60.

Nello specifico sono aumentati:

  • ammessi all’Esame di Stato: 96,1% dei candidati scrutinati contro il 96% del 2018;
  • diplomati totali finali: 99,7% rispetto al 99,6% del 2018;
  • diplomati con 100 e lode: sono l’1,6%, l’anno scorso erano l’1,3%
  • diplomati con voto compreso tra 91 e 99: sono il 9,8% contro il 9% del 2018;
  • diplomati con voto inferiore al 70: sono il 38,3% rispetto al 35,5% del 2018. In particolare, i 61-70 sono il 31,4% (erano il 27,7% nel 2018).

Al contrario, sono diminuiti:

  • diplomati che hanno raggiunti il 100 “secco” senza punti bonus: sono il 5,6%, nel 2018 erano il 5,7%;
  • diplomati con un voto superiore a 70/100: sono il 61,7%, rispetto al 64,5% di un anno fa, di cui:
    – diplomati con voto nella fascia tra 81-90: dal 19,6% al 16%;
    – diplomati con voto nella fascia 71-80: dal 28,9% al 28,7%;
  • diplomati con 60: scendono dal 7,8% al 6,9%

Per quanto riguarda la lode, in particolare, sono stati in 7.365 a ottenerla in termini assoluti. La Regione con il più alto numero assoluto di diplomati con lode è la Campania (1.287), seguita da Puglia (1.225) e Sicilia (817). Guardando al rapporto percentuale tra diplomati con lode e diplomati totali, la percentuale più alta viene registrata in Puglia (3,4%), seguita da Calabria (2,6%) e Umbria (2,4%).

Inoltre, nei Licei le votazioni si confermano mediamente più alte: il 2,5% ha conseguito la lode, il 7,7% ha avuto 100, il 12,3% tra 91 e 99, il 18,5% tra 81 e 90, il 29,2% tra 71 e 80. Tra i  Licei, è l’indirizzo Classico a primeggiare nei risultati al di sopra della fascia tra 80 e 100.

Maturità 2019: è più difficile o più facile?

I risultati di questa Maturità 2019, quindi, non ci danno una risposta al quesito sulla maggiore o minore difficoltà di questo Esame di Stato. Da una parte la diminuzione dei voti nella fascia 71-90 ci fa pensare che questo Esame di Stato abbia un po’ diviso i maturandi, tra quelli che hanno fatto molto bene le prove e coloro che invece non hanno ben ammortizzato i cambiamenti della Riforma. Inoltre, è da tenere in considerazione che il maggior peso dei crediti scolastici possa avere penalizzato chi non ha avuto una buona media in terza e quarta superiore. L’altro dato che fa riflettere è sicuramente l’aumento dei 100 e lode (ma non dei 100 puri), della fascia dei voti sopra il 90 e la diminuzione dei 60: probabilmente, visto i cambiamenti apportati all’Esame, i commissari hanno deciso di premiare i ragazzi che potevano disporre dei punti bonus in maniera maggiore rispetto agli scorsi anni, così come a dare un incentivo di punteggio a chi aveva un voto molto basso.

(Foto Credits: Pixabay)

Alice Giusti
Aspirante Jane Austen sin dalla tenera età, vivo con la valigia sempre pronta. Oggi Londra, domani Parigi, viaggio fisicamente o con la mente, basta un po’ di buona musica, un classico o una serie tv storica per farmi sognare. Appassionata di tutto ciò che è British, per vivere scrivo e mi piace talmente tanto che alla fine, mi sa, scrivo per vivere.
Leggi altri articoli in News Maturità Maturità