Condividi
Maturità 2018, tracce possibili per la Prima Prova: svolgimenti sulla Guerra dei Trent’anni
Condividi su

Maturità 2018, tracce possibili per la Prima Prova: svolgimenti sulla Guerra dei Trent’anni

Di Selena
pubblicato il 06 giugno

L’argomento della Guerra dei Trent’Anni è piuttosto complicato da affrontare in sede di Prima Prova di Maturità 2018, ma visto che è una ricorrenza e il MIUR potrebbe scegliere questo argomento come traccia ecco degli svolgimenti pronti per voi.

Maturità 2018, tracce possibili per la Prima Prova: svolgimenti sulla Guerra dei Trent’anni

Prima Prova Maturità 2018: esempi di tracce svolte sulla Guerra dei Trent’Anni

Lo diciamo spesso e lo pensano tutti: la Prima Prova di Maturità 2018 è generalmente la parte più facile di tutto l’Esame di Stato. Questo perché si tratta di comporre un elaborato, il che potrebbe sembrare semplice, ma non è proprio così. Non c’è solo l’autore: anche gli argomenti che potrebbe scegliere il MIUR come traccia di Prima Prova sono svariati e possono essere complicati come quello della Guerra dei Trent’Anni. L’ipotesi non è così remota visto che quest’anno cade l’anniversario dei 400 anni dall’inizio di questo tremendo conflitto e il MIUR potrebbe decidere di farvi affrontare l’argomento della Guerra dei Trent’anni sotto forma di tema d’attualità, un saggio breve o un articolo di giornale. Visto che noi di ScuolaZoo sappiamo bene quando possa essere complicato questo argomento abbiamo per voi una serie di tracce svolte sulla Guerra dei Trent’Anni per farvi arrivare preparati davanti a tutto per la Prima Prova di Maturità 2018.

Non perdete tutti gli aggiornamenti sulla Maturità 2018! Ecco cosa sapere:

guerra-trentanni-maturità-2018-tracce-svolte-prima-prova (1)

Maturità 2018: tema sui combattenti della Guerra dei Trent’anni

La prima cosa da fare, prima di gettarsi a capofitto ad affrontare un tema sulla Guerra dei Trent’Anni e i combattenti che vi hanno preso parte è ricordare che si tratta di una serie di conflitti in Europa Centrale che iniziarono nel 1618 e si conclusero nel 1648. Ci sono quattro fasi: boemo-palatina (1618–1625), danese (1625–1629), svedese (1630–1635) e francese (1635–1648). A questo potrebbe aggiungersi, secondo alcuni storici, anche un quinto periodo, quello italiano (1628-1630), corrispondente alla Guerra di successione di Mantova e del Monferrato. Ora vediamo come svolgere un tema sui combattenti nella Guerra dei Trent’Anni per la Prima Prova di Maturità 2018.

  • Introduzione: per iniziare il vostro tema per la Prima Prova di Maturità 2018 sulla Guerra dei Trent’Anni dovete spiegare i motivi che hanno portato al via del conflitto ossia la lotta tra stati protestanti contro quelli cattolici nel Sacro Romano Impero.
  • Svolgimento: andando avanti dove spiegare che i connotati religiosi, ben presto, svanirono e la Guerra dei Trent’Anni coinvolse le potenze europee dell’epoca trasformandosi in una battaglia inerente la rivalità franco-asburgica per il potere in Europa. Qui elencherete quindi chi sono stati i principali attori della Guerra dei Trent’Anni e cosa cercavano di ottenere.
  • Conclusione: nella conclusione quindi fate un check generale di quello che è accaduto e spiegate come si è conclusa la guerra grazie ai trattati di Osnabrück e Münster, inseriti nella più ampia pace di Vestfalia.

Quali sono le altre tracce probabili per la Prima Prova 2018? Scoprilo qui:

Cause e conseguenze della Guerra dei Trent’anni: consigli per svolgere un saggio breve

Se dovessimo aver ragione e il MIUR decidesse di affidarvi una traccia sulla Guerra dei Trent’Anni per la Prima Prova di Maturità 2018, potrebbe scegliere di inserire l’argomento in un Saggio Breve di Tipologia B. In questo caso, se non padroneggiate bene la materia vi sconsigliamo di affrontarlo, in caso contrario, visti anche i documenti che il MIUR allegherà, ricordatevi le regole base per svolgere questa tipologia di traccia e incrociate le dita!Ecco i nostri consigli per il saggio breve sulla Guerra dei Trent’Anni.

  • Titolo e destinatario: come saprete il titolo del saggio breve è fondamentale perché aiuta i lettori a capire cosa andrete ad affrontare in questo tema. In questo caso si parla delle cause delle Guerra dei Trent’Anni. Altro elemento importante è il destinatario del vostro elaborato che potrebbe essere qualsiasi tipo di pubblicazione vogliate, ma sarebbe perfetta una rivista storica.
  • Introduzione: prendete i documenti che vi ha fornito il MIUR inerenti la Guerra dei Trent’Anni ed entrate subito nel vivo della situazione spiegando i primi motivi che spinsero le potenze europee a lottare.
  • Svolgimento: nella parte centrale del saggio breve sulla Guerra dei Trent’Anni, affrontate le cause e le conseguenze di questo conflitto, partendo però dalla vostra tesi che, in questo caso, può essere legata alla follia della guerra (ogni tipo di guerra) che ha portato, secondo recenti studi, alla morte di 12milioni di persone. Ma non solo: sfatate ogni antitesi e argomento a favore dell’antitesi che, in questo caso specifico potrebbe essere legata a chi sostiene che la Guerra dei Trent’Anni sia stata fondamentale per dare un nuovo assetto all’Europa dell’epoca. Sottolineate come, sicuramente questo conflitto sia storicamente cruciale, ma le modalità di azione e le cause iniziali della Guerra abbiano mascherato intenti ben più ampi.
  • Conclusione: come conclusione date nuova forza alla vostra tesi, prendendo a piene mani spunti e citazioni in merito alla violenza di questo conflitto lungo 30 anni appunto che oggi è considerata come la peggior catastrofe mai abbattutasi  su tutta l’Europa e la Germania.

La Guerra dei Trent’Anni: articolo di giornale svolto per la Prima Prova Maturità 2018

Il MIUR potrebbe infine decidere di farvi affrontare la Guerra dei Trent’Anni sempre in una traccia di tipologia B della Prima Prova di Maturità 2018, ma con un articolo di giornale. In questo caso il consiglio che vi diamo è quello di scegliere una pubblicazione storica come “destinatario” dell’elaborato e di narrare in modo più che oggettivo gli accadimenti della Guerra dei Trent’Anni. Eviterete così di scivolare in commenti o pareri soggettivi che poco si addicono ad un articolo di giornale.

  • Titolo: l’articolo di giornale ha le sue regole e nella Prima Prova di Maturità 2018 vanno seguite alla perfezione. Fate quindi un breve titolo (La Guerra dei Trent’Anni: cause e conseguenze nel mondo moderno) in cui spiegate ciò di cui andrete a parlare.
  • Sottotitolo: in massimo due righe dovrete spiegare e approfondire quello che vorrete trattare. In questo caso, seguendo il nostro consiglio, userete il sottotitolo per indicare ai lettori che il vostro articolo spiega come la Guerra dei Trent’Anni abbia influenzato tutta la storia successiva e quindi anche il mondo in cui siamo oggi.
  • Pubblicazione: ricordatevi di indicare il tipo di pubblicazione scelta per il vostro articolo di giornale sulla Guerra dei Trent’Anni e in questo caso, come vi abbiamo suggerito, sarebbe perfetta una rivista storica.
  • Introduzione: la prima cosa da fare è rispondere alle 5 W del giornalismo: What, Who, When, Where e Why. Spiegate quindi chi erano i combattenti della Guerra dei Trent’Anni, il perchè iniziarono il conflitto e dove si svolse principalmente.
  • Svolgimento: nel cuore dell’articolo di Giornale sulla Guerra dei Trent’Anni focalizzatevi sulla fine del conflitto e spiegate come portò alla supremazia della Francia fino al XVIII secolo quando poi venne sostituita dalla Gran Bretagna. Date poi un quadro di come questa guerra lunghissima cambiò proprio il volto dell’Europa.
  • Conclusione: per finire l’articolo di giornale sulla Guerra dei Trent’Anni potreste lasciarvi andare ad un commento personale, brevissimo, sulla brutalità del conflitto che causò la morte di oltre 12 milioni di persone.

 

(Fonte Immagini Pixabay)

Selena
Sono Selena, giornalista pubblicista appassionata di serie TV e di musica. Scrivo da quando ero bambina e, di nascosto, mi impossessavo della vecchia macchina da scrivere di mia mamma! Lavoro da 10 anni nel mondo del giornalismo e da qualche tempo conduco anche un programma radio.
Leggi altri articoli in Prima Prova Maturità Maturità