Condividi
Lezioni a distanza, info ufficiali dal Miur: piattaforme, modalità e come studiare da casa
Condividi su

Lezioni a distanza, info ufficiali dal Miur: piattaforme, modalità e come studiare da casa

Di Alice Giusti
pubblicato il 03 marzo

Con le scuole chiuse in molte Regioni a causa della diffusione del Coronavirus, si sta iniziando a fare lezione a distanza: ecco tutte le risorse messe a disposizione dal Miur (e non solo).

Lezioni a distanza, info ufficiali dal Miur: piattaforme, modalità e come studiare da casa

Coronavirus in Italia, scuole chiuse: il Miur pubblica una pagina per aiutare le scuole con la didattica a distanza

In numerose Regioni d’Italia le scuole sono chiuse per la seconda settimana di seguito a causa del Coronavirus: sebbene il Miur ha specificato che in queste aree non si terrà conto dei 200 giorni in genere obbligatori per considerare l’anno scolastico valido, molte scuole si sono attrezzate o si stanno attrezzando per fare lezione a distanza, permettendo così ai prof di continuare il programma scolastico e agli studenti di seguire le lezioni anche rimanendo a casa. Il Ministero ha deciso quindi di pubblicare una pagina dedicata per fornire le tecnologie, le piattaforme e i materiali multimediali necessari alle singole scuole per poter iniziare con il programma di didattica a distanza. «Nei territori in cui le lezioni sono state sospese per l’emergenza sanitaria molte scuole hanno cominciato ad attivarsi, su base volontaria, per la didattica a distanza. Altre ci hanno segnalato di volerlo fare, ma di avere bisogno di supporto. Per questo, come Ministero ci siamo messi al fianco delle istituzioni scolastiche con una pagina web dedicata, disponibile da oggi», ha spiegato la Ministra Azzolina.

Ecco le specifiche per la didattica a distanza nella nota del Miur:


Video: la didattica a distanza spiegata da studenti e professori del Liceo Newton
di Brescia

Chi può fare lezione a distanza e per quanto tempo?

Le lezioni a distanza possono essere attivate dalle scuole che si trovano al momento chiuse o le cui attività didattiche sono sospese per la diffusione del Coronavirus e queste potranno proseguire fino al normale rientro in classe. La lezione a distanza non è obbligatoria. «Le istituzioni scolastiche possono usufruire di questi strumenti in modo del tutto gratuito e su base volontaria», ha spiegato la Ministra Azzolina presentando la pagina web dedicata.

I tipi di lezione a distanza già in essere

Non esiste un unico modo di fare lezione a distanza, ma ci sono più modalità per rendere interessanti e produttive le ore trascorse in collegamento da casa per seguire l’attività didattica. Il Miur, a questo fine, cerca di fare da punto di raccordo tra le scuole affinché queste si scambino best practices, consigli utili, link. Ad esempio, su Indire (accessibile anche dalla pagina dedicata alle lezioni a distanza del Miur) è possibile trovare tutta una serie di materiali e link che favoriscono lo scambio di buone pratiche e i gemellaggi fra scuole. È possibile anche trovare webinar di formazione.

Per quanto riguarda le modalità di lezione a distanza, ecco alcune tipologie:

Flipped Classroom

L’idea alla base è che la lezione diventa compito a casa, tramite l’utilizzo di video e altre risorse digitali.

Piccole scuole

All’interno del progetto ci sono due tipi di scenario:

  1. Il primo prevede l’uso quotidiano della videoconferenza tra due o più classi appartenenti a istituzioni scolastiche diverse
  2. Nel secondo scenario una o più classi lavorano a un progetto comune e organizzano incontri periodici tra docenti, studenti e/o esperti che possono fare uso anche di videoconferenze.

Piattaforme didattiche

Il terzo strumento, è la lezione a distanza tramite l’utilizzo di una piattaforma didattica gratuita. Tra quelle più utilizzate e consigliate dal Miur troviamo:

  • Skype o WeSchool: ci si collega online e si fa lezione in videochiamata
  • Google Suite for Education: è la Suite di Google specifica per la didattica a distanza e del tutto gratuita.
    Include: GmailDriveCalendarDocumentiFogliPresentazioniModuli,
    Hangouts MeetClassroom (le ultime due sono le app che abilitano direttamente la didattica a distanza)
  • Office 365 Educazion A1: versione gratuita con strumenti per la didattica online, le videoconferenze, la creazione di classi virtuali e archivi di lezioni.

I materiali multidimediali indicati dal Miur per la didattica a distanza

Nella sezione per i materiali multimediali, il Miur suggerisce i seguenti canali:

  • Rai per la Didattica: qui trovate contenuti di Rai Scuola e Rai Cultura utili a scopi educativi e didattici.
  • Treccani scuola: è una piattaforma digitale per la didattica sviluppata da Treccani e contiene contenuti didattici e strumenti innovativi.
  • Fondazione Reggio Children – Centro Loris Malaguzzi: qui trovate contenuti online che hanno l’obiettivo di generare domande, sollecitare la scoperta e invitare alla sperimentazione.

Leggi anche:

(Foto Credits: Miur)

Alice Giusti
Aspirante Jane Austen sin dalla tenera età, vivo con la valigia sempre pronta. Oggi Londra, domani Parigi, viaggio fisicamente o con la mente, basta un po’ di buona musica, un classico o una serie tv storica per farmi sognare. Appassionata di tutto ciò che è British, per vivere scrivo e mi piace talmente tanto che alla fine, mi sa, scrivo per vivere.
Leggi altri articoli in News Scuola