Condividi
Notte di San Lorenzo 2019, non solo 10 agosto: quando è il vero picco di stelle cadenti
Condividi su

Notte di San Lorenzo 2019, non solo 10 agosto: quando è il vero picco di stelle cadenti

Di Alice Giusti
pubblicato il 10 agosto

La notte di San Lorenzo è arrivata, ma se stasera vi perderete lo spettacolo, avrete modo di recuperare: ecco quando è il vero picco di stelle cadenti!

Notte di San Lorenzo 2019, non solo 10 agosto: quando è il vero picco di stelle cadenti

Picco Stelle Cadenti: quando vederle, le date oltre la Notte di San Lorenzo 2019

Oggi, 10 agosto, è la Notte di San Lorenzo, la magica serata delle stelle cadenti. Siamo tutti pronti con gli occhi all’insù, per esprimere un desiderio… ma cosa succede se stanotte non riuscirete a vederne nessuna? Tranquilli: il picco di stelle cadenti non è previsto solo per il 10 agosto, ma si verificherà soprattutto nei giorni seguenti, quindi ci sono diverse occasioni per poterle ammirare lo sciame delle Perseidi, le stelle cadenti che vediamo nel cielo ad agosto. Vediamo subito quando vederle, non solo per la Notte di San Lorenzo.

picco-stelle-cadenti

Notte di San Lorenzo 2019: quando è il vero picco di stelle cadenti

Se San Lorenzo cade il 10 agosto, questo non è l’unico giorno in cui è possibile vedere le Perseidi. Già da inizio agosto, è possibile intravedere qualche stella cadente, anche se il picco è previsto tra lunedì 12 e martedì 13 agosto. In questi due giorni, le stelle cadenti sono visibili a decine, tra le 50 e le 100 all’ora. Tuttavia, fino a Ferragosto, sarà possibile osservare le meteore nella volta celeste.

Quest’anno, però, sembra che non sia così facile scorgere le Perseidi a causa della luminosità della Luna, che sarà alta fino a notte fonda, quindi il miglior momento per l’osservazione è tra le ultime ore della notte, prima dell’arrivo dell’alba, quando il buio è quasi assoluto.

Qui trovate i consigli per vedere le Perseidi al meglio:

Perseidi: cosa sono e perché si vedono ad agosto

Le Perseidi sono dei detriti piccolissimi lasciati dal passaggio della cometa Swift-Tuttle: quando questa si avvicina al Sole, si scalda formando la coda e disperdendo così i detriti lungo la sua orbita. Quando l’orbita terrestre incontra questi detriti, si assiste al fenomeno delle Perseidi: le particelle, microscopiche, entrano a circa 200mila chilometri orari nell’atmosfera della Terra; di conseguenza, la ionizzano causando la scia luminosa che possiamo osservare.

(Foto Credits: Pixabay)

Alice Giusti
Aspirante Jane Austen sin dalla tenera età, vivo con la valigia sempre pronta. Oggi Londra, domani Parigi, viaggio fisicamente o con la mente, basta un po’ di buona musica, un classico o una serie tv storica per farmi sognare. Appassionata di tutto ciò che è British, per vivere scrivo e mi piace talmente tanto che alla fine, mi sa, scrivo per vivere.
Leggi altri articoli in News Scuola