#Esami Orali Maturità

Maturità 2020 orale, elaborato sulle materie d'indirizzo: esempi per ogni scuola, consigli e scadenze

10 giugno 2020

Maturità 2020 orale: come scrivere ed esporre l'elaborato sulle materie d'indirizzo

Le ultime novità dal Miur sulla Maturità 2020 hanno sorpreso la maggior parte degli studenti. La più sorprendente di tutte quella sull'elaborato finale relativo alla prima parte del colloquio con i commissari interni. Molti lo hanno paragonato alla tesina ma non è corretto perché, come si legge nell'ordinanza del Miur, l'argomento centrale dell'elaborato dovrà essere legato alle materie d'indirizzo del proprio corso di studi ed è stato assegnato direttamente dal docente che insegna la disciplina scelta. Vediamo insieme nel dettaglio come svolgerlo, esporlo e come affrontarlo per ogni scuola. Ecco la risposta a una domanda sul punteggio di Maturità che in tanti si chiedono: analisi testo come fare trucchi scaletta

Maturità 2020: scadenze e argomenti dell'elaborato

Questa cosa ormai ci è chiara: l'esame orale di Maturità 2020 sarà diviso in 5 parti. La prima, quella di apertura, si baserà sull'elaborato finale preparato da ogni studente. L'argomento, riguardante le materie d'indirizzo che dovevano essere oggetto della Seconda Prova (qui trovate l'elenco per ogni istituto), è stato assegnato dal consiglio di classe lo scorso 1° giugno, e voi avete tempo fino a sabato 13 giugno per consegnarlo ai professori. Il giorno dell'orale, poi, dovrete discuterlo davanti alla commissione.

Come si scrive l'elaborato sulle materie d'indirizzo per la Maturità 2020?

Siete nel panico perché non sapete bene come svolgere l'elaborato? Ecco nei paragrafi successivi tutte le indicazioni che vi servono e nello specifico:
  • Quanto deve essere lungo l'elaborato
  • In quale formato deve essere presentato
  • Differenze tra elaborato e tesina
  • Consigli di scrittura per l'elaborato

Quanto deve essere lungo l'elaborato sulle materie d'indirizzo?

Non c'è una risposta ufficiale, nel senso che l'ordinanza del Miur non prevede una lunghezza minima o massima per l'elaborato. Se i vostri professori vi hanno dato delle indicazioni specifiche, attenetevi a quelle altrimenti potete decidere voi quante pagine dedicare al tema. Tenete conto, però, che avrete circa una decina di minuti per esporre l'elaborato quindi non dovete scrivere un trattato. Siate esaustivi sulla traccia che vi è stata affidata, inserendo tutte le informazioni necessarie, ma non esagerate!

In quale formato deve essere consegnato l'elaborato?

Anche in questo caso, in assenza di informazioni specifiche da parte dei vostri professori, potete stabilire voi se presentare l'elaborato come traccia scritta, documento Word, presentazione PowerPoint, mappa concettuale, ma anche tramite un video o un progetto. Ovviamente considerate il formato in base a ciò che meglio si attiene alle vostre discipline d'indirizzo.

Esame di Stato 2020: perché l'elaborato non è la tesina

Molti continuano a chiamare l'elaborato "tesina", ma non è corretto.La prima parte dell'esame non sarà sulla tesina "classica", ma su una produzione fatta direttamente dallo studente e relativa solo alle materie d'indirizzo. A differenza della tesina, che invece si basava su un tema generico di partenza e prevedeva diversi collegamenti con altre materie, lo studente non può scegliere l'argomento e la materia, e non dovrà preparare i collegamenti con altre materie. L'altra grossa differenza sta nella forma di presentazione dell'elaborato. Il Miur non ha specificato né il formato né la lunghezza lasciando presupporre che ogni studente possa decidere come realizzarlo.

Consigli per scrivere l'elaborato di Maturità 2020

Ecco alcuni consigli infallibili per scrivere o progettare l'elaborato sulle materie d'indirizzo:
  • Leggi attentamente la traccia e l'argomento fornito dai professori
  • Prendi libri, schemi, riassunti etc fatti a scuola sugli argomenti in questione
  • Inizia a buttare giù una scaletta dei punti da inserire e in che ordine (in modo da dare un senso logico e organico)
  • Capisci qual è il miglior formato per presentare il tuo lavoro (meglio testo scritto o presentazione PowerPoint?)
  • Inizia a impostare il lavoro, ricordandoti anche di selezionare materiale integrativo se vuoi dimostrare alla commissione di aver approfondito qualche punto in particolare.
  • Nel caso tu scelga di presentare un elaborato multimediale, cura la grafica, i font, inserisci immagini ed eventuali grafici, tabelle, infografiche e/o brevi video rilevanti.
  • Prima di consegnare rileggi la traccia per essere sicuro di aver rispettato l'argomento e tutti i punti da approfondire.
  • Rileggi tutto più volte facendo attenzione ai contenuti presentati ma anche a eventuali errori grammaticali.

Orale Maturità 2020: come si espone l'elaborato?

Una volta consegnato l'elaborato sulle materie d'indirizzo, avrete qualche giorno per studiarvelo a dovere. Tenete conto che avendolo realizzato, la memorizzazione degli argomenti dovrebbe essere più facile. Tuttavia, sappiamo che è anche la parte con cui si inizia l'esame di Stato quindi ansia e paura possono giocare un brutto scherzo. Per fare una bella figura, ecco come puoi fare:
  • Ripeti l'elaborato più volte. Prima del giorno dell'orale fai delle simulazioni, ripetendo ad alta voce più volte i contenuti, così da fissarli in testa e migliorare ogni volta un po' il modo in cui li esponi. Se vedi che hai dubbi o ci sono parti che secondo te nell'esposizione meritano un ulteriore approfondimento, fai una ricerca in merito e approfondisci. Una volta che inizi a essere sciolto/a, fai una prova con un cronometro per capire quanto parli: se sono solo 2 minuti non va bene, così come se fai un'esposizione di mezz'ora. Tarati sui 10-15 minuti massimo.
  • Se sei particolarmente ansioso/a fai le prove con compagni e familiari. Hai paura a parlare in pubblico? Prova a ripetere l'elaborato a persone diverse, dai tuoi genitori a qualche tuo compagno, così da acquisire fiducia.
  • Il giorno dell'esame immagina di essere nella tua stanza. Se siete particolarmente preoccupati di avere improvvisamente un black out, una volta seduti davanti alla commissione, fate un bel respiro, chiudete un attimo gli occhi e immaginate di essere nella vostra stanza a ripetere come i giorni scorsi.
  • Sfruttate delle tecniche di memorizzazione. Per non farvi giocare brutti scherzi dall'ansia, sfoderate i vostri migliori metodi di memorizzazione. Se vi può aiutare concentratevi su come inizia la vostra tesina (c'è chi magari ricordandosi le prime parole, poi inizia a parlare senza fermarsi più) oppure, a casa, stampate il materiale e con l'uso di colori sottolineate le varie parti in modo diverso, così che all'esame assocerete colore con contenuto. Potete anche lavorare sulla memorizzazione di immagini legate a quello che avete scritto o farvi uno schema veloce prima di entrare in aula per fissare nuovamente i concetti principali.
  • Siate sicuri. Una volta che iniziate a parlare, non abbiate esitazioni: siate sicuri di voi stessi. Non vi ricordate una frase o un concetto? Saltate e andate avanti, ma cercate di convincere la commissione del fatto che padroneggiate l'argomento e lo avete studiato.

Orale 2020: esempi di elaborato per tutte le scuole

Infine, ecco qualche dritta pensata per ogni scuola per svolgere un elaborato ad hoc sulle materie di indirizzo:

Licei

Istituti Tecnici

(Credits immagini: Unsplash)