Condividi
Maturità 2018: tracce svolte su Martin Luther King per la Prima Prova
Condividi su

Maturità 2018: tracce svolte su Martin Luther King per la Prima Prova

Di Selena
pubblicato il 10 maggio

State pensando che il MIUR per la Prima Prova di Maturità 2018 vi affidi una traccia su Martin Luther King visto che sono 50 anni dalla sua morte? Niente panico, qui c’è tutto quello che vi serve sapere per ottenere un ottimo risultato.

Maturità 2018: tracce svolte su Martin Luther King per la Prima Prova

Prima Prova Maturità 2018: esempi di tracce svolte su Martin Luther King

Nonostante la Prima Prova di  Maturità 2018 sia solitamente quella che mette meno ansia, l’idea di non sapere che tipo di traccia vi potreste trovare davanti mette comunque ansia a tutti. Quest’anno poi, tra le tante ricorrenze, si celebrano anche i 50 anni dalla morte di Martin Luther King, attivista e politico leader nella lotta per i diritti civili dei cittadini afro-americani. Così, il MIUR per la Prima Prova di Maturità 2018, potrebbe affidarvi una traccia proprio su Martin Luther King. Questa importante figura, complice come vi abbiamo detto l’anniversario dal suo assassinio, potrebbe essere oggetto di un tema d’attualità, un saggio breve e un articolo di giornale durante la Prima Prova 2018; per questo motivo, noi di ScuolaZoo abbiamo per voi una serie di tracce svolte sull’argomento!

Qui trovate un’analisi del discorso di Martin Luther King, I Have a Dream:

Per conoscere quali altri anniversari e ricorrenze potrebbero essere oggetto delle tracce di Maturità 2018, ecco a voi i nostro il tototema completo:

martin-luther-king-tracce-svolte-prima-prova-maturità-2018(2)

Maturità 2018: tema su Martin Luther King, cosa ha fatto?

La prima cosa da fare, per scrivere un tema su Martin Luther King, è quella di conoscere bene la sua carriera e tutte le sue azioni legate alla non violenza per affermare i diritti civili delle persone di colore. Il consiglio quindi è di leggere bene la sua biografia perché potrebbe essere fondamentale per ottenere un ottimo risultato per la Prima Prova 2018 di Maturità. Vediamo come strutturare un tema su Martin Luther King.

  • Introduzione: per iniziare il vostro tema su Martin Luther King è importante fare un piccolo cenno alla sua biografia e ai momenti cruciali che hanno segnato la sua vita e la sua lotta contro il razzismo.
  • Svolgimento: la parte centrale del tema su Martin Luther King dovrebbe incentrarsi sulla sua figura di sostenitore della non violenza, paladino degli emarginati. Tutta la vita di King si è infatti incentrata su una instancabile lotta per abolire i pregiudizi etnici nei confronti dei cittadini afroamericani.
  • Conclusione: nella conclusione del tema su Martin Luther King potreste fare una riflessione sul paragone tra King e Ghandi, entrambi sostenitori del pacifismo.

Se vuoi un esempio di tema svolto sul razzismo, leggilo qui:

Martin Luther King e la non violenza: consigli per svolgere un saggio breve

Qualora il MIUR per la Prima Prova di Maturità 2018 dovesse scegliere di farvi parlare di Martin Luther King in un saggio breve, Tipologia B, dovrete fare particolare attenzione. All’interno del vostro elaborato, infatti, dovranno esserci tutti i riferimenti contenuti nei testi e nei documenti forniti in sede di Prima Prova. Ecco i nostri consigli.

  • Titolo e destinatario: nel saggio breve sulla non violenza praticata da Martin Luther King il titolo che sceglierete è fondamentale. Questo perché dà al lettore tutte le indicazioni su quello che andrete poi ad approfondire nel vostro elaborato. Inoltre non dovete dimenticarvi il  destinatario, cioè la rivista/giornale a cui inviereste idealmente il saggio breve per la pubblicazione.
  • Introduzione: la via più semplice ed efficace per iniziare il saggio breve su Martin Luther King e il suo concetto di non violenza è quello di scrivere subito una frase derivante da uno dei dai documenti forniti dal MIUR. Così facendo darete il via alle vostre considerazioni sulla non violenza come “arma” per combattere i pregiudizi razziali.
  • Svolgimento: nel cuore del vostro saggio breve sulla non violenza applicata da Martin Luther King è importante attingere a piene mani dai documenti presenti nella traccia per sostenere le argomentazioni a favore della vostra tesi principale. In questo caso, ad esempio, potreste incentrare la traccia su come il dialogo, il ragionamento e l’insegnamento teorico possono apportare grandi cambiamenti alla società, senza necessità di ricorrere alle armi o ad una lotta violenta per cambiare le cose. Così facendo andrete a smontare le argomentazioni a favore dell’antitesi che, sempre in questo caso, potrebbe puntare sul fatto che proprio la violenza ha ucciso Martin Luther King, distruggendo il suo operato, almeno in parte.
  • Conclusione: per concludere il vostro saggio breve su Martin Luther King potreste nuovamente attingere dai documenti forniti dal MIUR: se vi fosse, ad esempio, un estratto di Strength to Love (La Forza di Amare in italiano), il libro scritto da M.L. King, una frase tratta da questo scritto sarebbe perfetta per chiudere l’elaborato ribadendo la vostra tesi.

Martin Luther King, I Have a Dream: articolo di giornale svolto per la Prima Prova Maturità 2018

Nella tipologia B della Prima Prova di Maturità 2018, oltre al saggio breve, il MIUR potrebbe assegnarvi l’articolo di giornale a tema Martin Luther King. In questo caso la situazione cambia nettamente rispetto al saggio breve perché un articolo, ormai lo sappiamo, è più breve e più libero, ma ha comunque una sua struttura specifica che va rispettata. Vediamo insieme come strutturare un esempio di articolo di giornale sulla frase I Have a Dream di Martin Luther King.

  • Titolo: il titolo di un articolo di giornale è cruciale e in questo specifico caso deve essere accattivante, ma anche spiegare ai lettori, in linea di massima, di cosa si va a parlare. Un’idea potrebbe essere: “I Have a Dream: il sogno pacifista di Martin Luther King ieri e oggi”.
  • Sottotitolo: in massimo due righe dovrete cercare di dare altre informazioni interessanti per i lettori che devono essere invogliati a continuare a leggere. Nello specifico di questo caso potreste spiegare come il sogno della non violenza e delle fine delle discriminazioni di genere di Martin Luther King si sia evoluto, ma di fondo resti molto attuale anche oggi.
  • Pubblicazione: nel vostro articolo di giornale su Martin Luther King non dimenticatevi poi di indicare il tipo di pubblicazione scelta, perché il tono e il taglio dell’articolo cambiano molto a seconda della rivista o del giornale su cui state pensando di scrivere. Potreste optare per un quotidiano nazionale o locale o per il giornale della scuola.
  • Introduzione: la prima cosa da fare è rispondere alle 5 W del giornalismo: What, Who, When, Where e Why. In questo caso potreste spiegare da dove è nata la frase I Have a Dream di Martin Luther King e di quanto, nonostante siano passati ben 55 anni da quando fu pronunciata la prima volta, sia sempre attualissima.
  • Svolgimento: nello svolgimento del vostro articolo di giornale su Martin Luther King dovreste cercare di spiegare il senso della frase I Have a Dream e di come, anche se oggi le discriminazioni nei confronti degli afroamericani non sono più pesanti come quelle degli anni ’50 in America, anche il nostro paese è vittima del razzismo e della paura del diverso. Da qui, senza uscire troppo dal seminato, potreste fare un parallelo con i migranti.
  • Conclusione: nella parte conclusiva del vostro articolo di giornale sul pensiero di Martin Luther King riassunto nella frase I Have a Dream, potreste usare una sua frase o citare per intero una parte dei tanti discorsi pacifisti fatti da King. È un modo accattivante e, ad effetto, che porta il lettore a rimanere soddisfatto di ciò che ha letto.

(Fonte Immagini Wikipedia)

Selena
Sono Selena, giornalista pubblicista appassionata di serie TV e di musica. Scrivo da quando ero bambina e, di nascosto, mi impossessavo della vecchia macchina da scrivere di mia mamma! Lavoro da 10 anni nel mondo del giornalismo e da qualche tempo conduco anche un programma radio.
Leggi altri articoli in Prima Prova Maturità Maturità