Condividi
Versione tradotta Tacito Liceo Classico Seconda Prova Maturità 2019
Condividi su

Versione tradotta Tacito Liceo Classico Seconda Prova Maturità 2019

Di Selena
pubblicato il 20 giugno
Versione tradotta Tacito Liceo Classico Seconda Prova Maturità 2019

Tacito, versione tradotta liceo classico Maturità 2019 Seconda Prova

Finalmente abbiamo per voi la versione tradotta di latino di Tacito per la Seconda Prova di  Maturità 2019  del Liceo Classico.  Il tema centrale è la morte di Galba, imperatore romano che venne però tradito dal suo amico e successore. Questo argomento è affrontato sia nella versione di latino che nelle domande del testo di greco di Plutarco. Di seguito trovate la traduzione della versione di latino per voi!

Non perdere gli ultimi aggiornamenti sulla Seconda Prova di Maturità 2019, seguite con noi l’esame:

Qui trovate la soluzione ai quesiti e alle domande di latino e greco:

traduzione-latino-versione-seconda-prova-maturità-2019-classico (1)

Traduzione versione Tacito liceo classico Seconda Prova Maturità 2019

Ecco per voi la traduzione della versione di Tacito inerente la Fine di Galba:

Il quindici di gennaio l’aruspice Umbricio predice a Galba che sacrificava davanti al tempio di Apollo viscere di cattivo auspicio, un imminente agguato e un nemico della casa; mentre Otone ascoltava, si era infatti fermato vicino, interpretava al contrario il fatto come un responso propizio e favorevole ai suoi progetti. Né molto dopo, il liberto Onomasto annuncia che egli è atteso dall’architetto e dagli appaltatori, e questo era stato concordato come segnale dei soldati già adunatisi e della congiura allestita. Otone a coloro che chiedono il motivo del suo allontanamento, fingendo dice che era stata comprata una casa di campagna per sé e di dover perciò esaminarla prima perché sospetta di vecchiaia; poi appoggiandosi al liberto, si dirige attraverso la casa di Tiberio fino al Velabro, di là fino alla colonna dorata sotto al tempio di Saturno. Lì ventitré guardie posatolo frettolosamente in sella e con spade in pugno portano via l’imperatore che era stato acclamato e che era timoroso per l’esiguità di quelli che lo omaggiavano. Durante il tragitto si aggiunge quasi lo stesso numeri di soldati, alcuni per complicità, la maggior parte per la singolarità del fatto, una parte con grida e con spade, una parte in silenzio, nell’attesa di prendere coraggio dalla vicenda.

(Fonte immagini Pixabay)

Selena
Sono Selena, giornalista pubblicista appassionata di serie TV e di musica. Scrivo da quando ero bambina e, di nascosto, mi impossessavo della vecchia macchina da scrivere di mia mamma! Lavoro da 10 anni nel mondo del giornalismo e da qualche tempo conduco anche un programma radio.
Leggi altri articoli in Seconda Prova Maturità Maturità