#News Maturità

Maturità 2020, l'orale si fa in presenza? Cosa ha detto la Azzolina

20 aprile 2020

Orale Maturità 2020: le parole della Ministra Azzolina sull'esame in presenza

La Maturità 2020 sarà molto diversa da come l'avevamo pensata fino a qualche mese fa. Gli scritti molto probabilmente non ci saranno e al loro posto ci sarà solo l'orale che, come preannunciato dalla Ministra Azzolina, prenderà la forma di un maxi colloquio più approfondito e più lungo rispetto a quello classico. Questo scenario si realizzerà solo se gli studenti non potranno tornare a scuola entro il 18 maggio 2020, cosa molto plausibile viste anche le parole della Ministra, ma bisogna aspettare una comunicazione ufficiale da parte degli organi del governo. Se a giugno si dovesse procedere solo con l'esame orale, gli studenti dovranno sostenerlo in presenza o online? La Ministra Azzolina ha detto la sua sull'argomento. Non perdere: maturità-2020-orale

Esame Maturità 2020: come si svolgerà il maxi orale

Del maxi colloquio di Maturità 2020 per ora sappiamo solo che sarà più approfondito, visto che andrà a sostituire la Prima Prova d'italiano e la Seconda Prova. Resta ancora da capire se questa parte dell'Esame di Stato, l'unica rimasta integra dopo le modifiche apportate dal Miur, si potrà svolgere in presenza con la commissione oppure se gli studenti dovranno rimanere a casa e saranno interrogati con attraverso le piattaforme di videochiamata. Lucia Azzolina è tornata a parlare della questione in un post su Facebook: «Come docente conosco bene il peso specifico che questa prova ha nella vita dei nostri ragazzi. Mi sono battuta fin dall'inizio dell'emergenza per salvaguardare gli esami [...] Auspico davvero che ci sia la possibilità di svolgere almeno l'esame orale in presenza. Ovviamente nelle giuste condizioni di sicurezza per la salute di tutti».

Maturità 2020 orale: cosa si sa fino ad oggi

Le notizie certe sul maxi orale di Maturità 2020 sono poche visto che bisogna ancora aspettare la decisione del governo su ciò che succederà nei prossimi mesi. Dalle poche cose dette nelle ultime settimane, sappiamo che includerà la parte della relazione sull'alternanza scuola lavoro e le domande di cittadinanza e Costituzione. Per il resto non è stato detto ancora nulla, soprattutto sull'aspetto pratico di come verrà gestito. La Ministra Azzolina si è detta contraria all'opzione mista, cioè studenti a scuola e professori collegati online. Leggi anche: