Condividi
Orale Maturità 2020: date, buste, domande frequenti e materie
Condividi su

Orale Maturità 2020: date, buste, domande frequenti e materie

Di Chiara Greco
pubblicato il 24 settembre

Maturità 2020 colloquio orale: scopri la guida completa per iniziare a capire com’è strutturato, cosa studiare, come funziona e le novità dal Miur!

Orale Maturità 2020: date, buste, domande frequenti e materie

Maturità 2020: guida completa al colloquio orale

Nuovo anno, nuova storia: è arrivato il momento di fare il punto sull’orale di Maturità 2020! Ora che è cambiato il ministro dell’Istruzione, cosa succederà al colloquio orale? Ci saranno delle novità in arrivo dal Miur? Noi di ScuolaZoo monitoriamo costantemente la situazione e siamo qui per darvi tutte le info utili su buste, domande, materie e come si svolge il colloquio con la commissione!

Novità dai corridoi del Miur? Scopri:

colloquio orale maturità 2020

Date Orali Maturità 2020: quando iniziano?

Solitamente per gli orali di Maturità non esiste una data precisa in cui iniziare. Tutto dipende dal numero di studenti per commissione e da come viene gestita la correzione delle prove. Di solito, gli orali iniziano una settimana dopo la Seconda Prova, quindi per quest’anno i colloqui dovrebbero iniziare dal 22 giugno in poi.

Orale Maturità 2020: come funziona

Dallo scorso anno scolastico, l’orale di Maturità ha cambiato definitivamente volto. Anche quest’anno, salvo modifiche successive da parte del nuovo entourage del Miur, la struttura rimane la stessa:

  • interrogazione con le buste. Uno dei commissari presenta 3 buste chiuse al candidato che ne sceglierà una. I materiali contenuti al suo interno saranno oggetto di esposizione e domande;
  • relazione alternanza scuola-lavoro. Ogni studente preparerà una breve esposizione sull’esperienza maturata durante le ore di stage lavorativo. La relazione può essere supportata da foto, video o power point;
  • domande cittadinanza e costituzione. Un commissario a scelta porrà dei quesiti riguardo la Costituzione o di cittadinanza, inclusi quelli sulla sicurezza ambientale, stradale e informatica.
  • revisione degli scritti. Il candidato potrà prendere visione delle prove corrette dai commissari. Qui eventualmente si potranno discutere gli errori ed eventuali appunti da parte dei docenti.

Buste Orale di Maturità: ci saranno ancora?

Il dubbio è sorto a molti studenti del quinto anno dopo che il nuovo ministro dell’istruzione ha lasciato in sospeso la questione buste. Non è stato né confermato né smentito che qualcosa potrebbe cambiare, ma fino ad oggi non è giunta nessuna indicazione ufficiale dal Miur. Se tutto rimane così com’è stato l’anno scorso, le buste saranno 3 per ogni candidato e contengono materiali di questo tipo:

  • immagini (foto o dipinti);
  • documenti;
  • esperienze;
  • testi;
  • estratti di saggio, giornale o libri;
  • progetti;
  • problemi.

Durata Colloquio Orale Maturità 2020: quanto dura l’interrogazione?

Il colloquio orale dura dai 50 ai 60 minuti, tutto dipende dagli spunti che emergono nel corso dell’interrogazione. La parte più lunga dell’esposizione è sicuramente la prima, quella dove si discute sui materiali presenti nelle buste, il resto invece ha una durata leggermente ridotta.

Domande Cittadinanza e Costituzione Maturità 2020: quali argomenti studiare

Anche quest’anno ritorneranno le domande di Cittadinanza e Costituzione introdotte per la argomenti di Maturità 2019. I commissari esterni e interni potranno farvi delle domande relative al programma svolto in classe su argomenti di Educazione Civica, tra cui:

  • Costituzione;
  • legalità;
  • educazione all’ambiente
  • educazione alla salute;
  • educazione digitale;
  • educazione stradale.

Relazione alternanza scuola-lavoro all’Orale: come si scrive e cosa sapere

L’alternanza scuola-lavoro avrà un ruolo importante anche per la Maturità 2020. Tutti i maturandi devono presentare la loro esperienza relativa al progetto di alternanza scuola-lavoro attraverso una relazione scritta o una presentazione supportata da file multimediali.

Esame orale Maturità 2019: il punteggio

Vi ricordiamo che, dall’anno scorso, i punteggi delle prove sono cambiati, incluso quello del colloquio. In generale i punti assegnati totali all’Orale di  Maturità 2019 saranno 20, così come quelli ottenibili in Prima e Seconda Prova. Con la riforma Bussetti, è stato infatti diminuito il peso complessivo dell’Esame (che vale 60 punti invece dei precedenti 75), mentre aumentano i crediti scolastici accumulati nel triennio, che passano da 25 a 40.

Domande frequenti orale Maturità 2020: consigli per affrontare il colloquio orale

Ecco infine anche qualche consiglio per affrontare al meglio il giorno dell’orale e concludere in bellezza l’Esame di Maturità!

  • Cosa fare la mattina dell’orale? Una bella colazione energica vi aiuterà!
  • Cosa indossare? Scegliete un outfit semplice e composto! Meglio evitare top, scollature profonde (per le ragazze), bermuda (per i ragazzi), canottiere e ciabatte.
  • A che ora presentarsi a scuola? Arrivate con un certo anticipo, dato che a volte le commissioni iniziano non appena arriva il primo candidato.
  • Come gestire l’ansia? Cercate di scaricarla parlando con un amico, familiare o ascoltando musica che vi trasmetta energia positiva.
  • Posso essere accompagnato o vado da solo? Sta a voi decidere! Dovete essere al massimo della tranquillità possibile, quindi non vi fate mettere pressione su questo punto.

Colloquio Maturità 2020: come prepararsi con materie e simulazioni

Affrontare il colloquio orale non è una passeggiata né tantomeno un dramma. Ecco come prepararsi al meglio.

  • Preparate una tabella di marcia: avere un programma per lo studio diviso in giorni per il ripasso dell’esame è fondamentale. In questo modo, potrete suddividervi equamente lo studio ed essere sicuri di non scordarvi niente.
  • Usate schemi, mappe concettuali e riassunti preparati durante l’anno per ripassare.
  • Riguardate gli argomenti presenti in seconda e prima prova: avete commesso qualche errore? All’esame orale vi sarà data la possibilità di correggerlo, quindi giocate d’astuzia e arrivate preparati per evitare di commettere due volte lo stesso errore.
  • Informatevi su quali materie insegnano i commissari, presidente incluso, così da non arrivare impreparati all’esame, essendovi scordati di ripassare uno dei programmi. Il presidente può o non può intervenire, ma è bene sapere quale materia insegna per evitare figuracce!
  • Informatevi dai vostri professori interni su chi sono i commissari esterni, così da capire che tipi di insegnanti sono. Il top è riuscire a contattare qualche studente che ha questi insegnanti, così da capire anche quali sono gli argomenti più gettonati nelle loro interrogazioni e il loro modo di interrogare.
  • Svolgete delle simulazioni dell’orale con un compagno per il ripasso finale. Un’idea funzionale è quella di fare il ripasso finale insieme a un compagno di classe con il quale sapete che potete studiare bene, scambiandosi domande e dubbi e simulando una sorta di orale.
  • Andate a vedere gli esami dei vostri compagni. A meno che siate i primi, potrete andare ad assistere agli orali dei compagni per capire come si svolge l’esame e il tipo di domande proposte. Per i più ansiosi può essere un’arma a doppio taglio: se le interrogazioni saranno abbastanza semplici, tirerete un sospiro di sollievo; in caso contrario…
  • Non morite sui libri! Stabilitevi degli orari e trovate dei momenti per rilassarvi e riposarvi. Il rischio è di arrivare completamente stanchissimi e non concentrati all’esame a causa del troppo studio e delle tensione! Se riuscite, non studiate il giorno prima dell’esame. Se invece, come sempre accade, vi ritroverete con gli ultimi programmi da visionare, programmate almeno di lasciarvi la serata libera.
  • Mangiate bene: il cibo aiuta molto anche nella concentrazione e nell’arrivare all’esame con le giuste energie! Prediligete frutta e verdura, cibi ricchi di magnesio, snack salutari e leggeri e non esagerate con tè e caffè (meglio le tisane per rilassarsi). Evitate le sbornie: non vorrete arrivare all’esame orale con le occhiaie e i sintomi di un hangover!

(Credits Immagini: Unsplash)

Chiara Greco
Abitante del mondo in tutte le sue forme e i suoi colori. Sono una studentessa, si spera, alla fine del suo percorso universitario in mediazione linguistica e culturale. Il mio hobby principale è cercare di rendere i miei sogni una realtà concreta, per questo ho deciso di buttarmi in questa avventura come scrittrice (ancora alle prime armi e che ha ancora tanto da imparare). Il filo delle mie passioni traccia trame e disegni impensabili e senza confini: scrittura, lettura, cucina, cinema, musica, scienza, fisica, viaggi