Condividi
Maturità 2019 Prima Prova: griglia di valutazione, struttura e punteggi
Condividi su

Maturità 2019 Prima Prova: griglia di valutazione, struttura e punteggi

Di Selena
pubblicato il 29 novembre

Maturità 2019: da quest’anno ci sono le griglie di valutazione nazionali per correggere la traccia di italiano! Come funziona e come vengono attribuiti i punteggi? Ecco cosa sapere!

Maturità 2019 Prima Prova: griglia di valutazione, struttura e punteggi

Prima Prova Maturità 2019: griglia di valutazione e punteggio massimo

La nuova Prima Prova di Maturità 2019 vi spaventa? Quest’anno le tracce di italiano sono del tutto diverse e cambia anche la correzione delle prove: le griglie di valutazione serviranno ai commissari interni o esterni per attribuire i punteggi della Prima Prova. Come funzionano e a cosa servono? La griglia di correzione sarà uguale per tutte le scuole e servirà ai prof per avere degli indicatori standard per attribuire un voto e fare da guida per la correzione di temi che da quest’anno sono diversi dagli anni precedenti. Volete saperne di più su come sarà valutata la Prima Prova di Maturità 2019?

Se vuoi saperne di più sulle modifiche alla Prima Prova 2019 e alla regola dell’alternanza non perdere:

griglie di valutazione prima prova maturità 2019

Maturità 2019: la griglia di valutazione e il punteggio di Prima Prova

L’idea del MIUR per i punteggi di questa Maturità 2019 è quella di rendere la valutazione il più oggettiva possibile. A questo scopo vengono utilizzati tre indicatori per ogni valutazione che arriva ad un totale massimo di 60 punti. A questi si aggiungo altri 40 punti che vengono attribuiti ai maturandi a seconda della traccia scelta in sede d’esame. In totale si può arrivare quindi a 100 punti che verranno poi riportati in ventesimi con la proporzione.

Punteggi Maturità 2019, griglia di valutazione della Prima Prova

Con questi tre indicatori si può raggiungere il punteggio massimo di 60 e viene così ripartito:

  • Indicatore 1:  Ideazione, pianificazione e organizzazione del testo. Coesione e coerenza testuale.
  • Indicatore 2: Ricchezza e padronanza lessicale. Correttezza grammaticale (ortografia, morfologia, sintassi); uso corretto ed efficace della punteggiatura.
  • Indicatore 3: Ampiezza e precisione delle conoscenze e dei riferimenti culturali. Espressione di giudizi critici e valutazioni personali.

Oltre al punteggio ottenuto per questi tre indicatori, i professori potranno poi attribuire altri 40 punti a seconda della tipologia di traccia di Prima Prova di Maturità 2019 prescelta. Ad esempio:

  • Analisi del Testo: comprensione del testo generale; puntualità dell’analisi lessicale, retorica, stilistica e sintattica; interpretazione articolata del brano; rispetto dei vincoli della consegna.
  • Tema di Attualità: correttezza nella formulazione del titolo; coerenza dei paragrafi; corretti riferimenti culturali; pertinenza del testo; esposizione lineare e ordinata.
  • Testo Argomentativo: individuazione di testi e antitesi; correttezza dei riferimenti culturali; articolazione delle conoscenze e dei riferimenti; sviluppo ordinato e lineare dell’esposizione.

Per saperne di più sulle griglie di valutazione, non perdere:

(Fonte Immagini Pixabay)

Selena
Sono Selena, giornalista pubblicista appassionata di serie TV e di musica. Scrivo da quando ero bambina e, di nascosto, mi impossessavo della vecchia macchina da scrivere di mia mamma! Lavoro da 10 anni nel mondo del giornalismo e da qualche tempo conduco anche un programma radio.
Leggi altri articoli in Prima Prova Maturità Maturità