Condividi
Maturità 2020, la Ministra Azzolina: «Sì a maxi colloquio, ma non tutti promossi»
Condividi su

Maturità 2020, la Ministra Azzolina: «Sì a maxi colloquio, ma non tutti promossi»

Di Alice Giusti
pubblicato il 05 aprile

Finalmente abbiamo notizie sull’Esame di Stato 2020: confermati i due scenari, con seconda prova interna o maxi orale, ma attenzione alla differenza tra ammessi e promossi.

Maturità 2020, la Ministra Azzolina: «Sì a maxi colloquio, ma non tutti promossi»

Esame di Maturità 2020: la Ministra Azzolina conferma due scenari a seconda di quanto si torna a scuola

Dopo tante ipotesi e bozza di decreto ufficiose, la Ministra Azzolina ha confermato la previsione di due scenari: un piano se si tornasse a scuola entro il 18 maggio e l’altro, più probabile, nel caso non si rientri. Invitata a Che tempo che fa domenica 5 aprile, trasmissione di Rai 2 condotta da Fabio Fazio, la Ministra della scuola ha però precisato che sono circolate anche «ipotesi fantasiose», in relazione soprattutto alla questione dei promossi. Tutti gli studenti saranno infatti ammessi, ma questo non significa che saranno promossi.

Non perdere:

Maturità 2020: cosa succede se si rientrasse entro il 18 maggio a scuola

Nel caso si rientri a scuola entro il 18 maggio 2020, il Miur ha confermato che ci saranno le due prove scritte più l’orale, ma con alcune differenze.

  • Prima Prova nazionale
  • Seconda Prova elaborata dalle commissioni interne
  • Orale con solo commissione interna + presidente esterno

Come cambia la Maturità 2020: cosa succede se non si rientra a scuola

La Ministra Azzolina ha precisato che «si rientrerà a scuola solo quando sarà garantita la sicurezza degli studenti e di tutto il personale scolastico». Probabile, quindi, che, non si rientri a scuola per quest’anno. In tal caso, lo scenario che si apre è il seguente:

Esame di Stato 2020: differenza tra ammissione per tutti e promozione

La Ministra Azzolina ha sottolineato che l’«Esame di Stato sarà serio» e che tutti i maturandi si devono impegnare e avere «senso di responsabilità». L’ammissione sarà per tutti perché «se anche un solo studente non avesse avuto accesso alla didattica a distanza, io devo dargli la possibilità di accedere all’Esame». Tuttavia, ammissione non significa promozione. «L’esame è una possibilità, poi però non tutti saranno promossi. Conterà lo svolgimento dell’esame e il percorso maturato nei cinque anni».

Per approfondire:

Leggi anche:

(Foto Credits: Che tempo che fa)

Alice Giusti
Aspirante Jane Austen sin dalla tenera età, vivo con la valigia sempre pronta. Oggi Londra, domani Parigi, viaggio fisicamente o con la mente, basta un po’ di buona musica, un classico o una serie tv storica per farmi sognare. Appassionata di tutto ciò che è British, per vivere scrivo e mi piace talmente tanto che alla fine, mi sa, scrivo per vivere.
Leggi altri articoli in News Maturità Maturità