Condividi
Tema sui Promessi Sposi: consigli e riferimenti ai capitoli per svolgere le tracce
Condividi su

Tema sui Promessi Sposi: consigli e riferimenti ai capitoli per svolgere le tracce

Di Isabelle Giacometti
pubblicato il 28 marzo

Dato che non puoi rispondere al prof. “Questo tema non s’ha fare” di fronte a una traccia sui Promessi Sposi, ci abbiamo pensato noi a darti le dritte necessarie a scrivere un testo argomentativo sul romanzo di Alessandro Manzoni. Tu e la sufficienza convolerete a nozze?

Tema sui Promessi Sposi: consigli e riferimenti ai capitoli per svolgere le tracce

Testo argomentativo sui Promessi Sposi: come scrivere un tema sul romanzo di Manzoni? 

“I Promessi Sposi” è un romanzo di Alessandro Manzoni che nella tua carriera scolastica dovrai inevitabilmente affrontare. La storia travagliata del matrimonio di Renzo e Lucia è infatti considerata un’opera fondamentale nella letteratura italiana e per questo è inserita nel programma didattico delle scuole medie e in quello di alcune scuole superiori. I Promessi Sposi è un testo importante anche perché rientra appieno nello spirito della corrente letteraria del romanticismo che ha percorso tutto l’800. Inoltre si tratta del primo romanzo storico italiano, il più letto e il più diffuso, ma a cosa deve il suo successo? I motivi sono tanti, sia a livello di contenuto che come tecnica stilistica, per questo quasi sicuramente prima o poi ti verrà assegnato un tema sui Promessi Sposi. 38 capitoli di libro si prestano all’analisi su diversi aspetti: personaggi, ambientazione, tematiche attuali sono solo alcuni degli argomenti delle tracce possibili. Noi si ScuolaZoo ti proponiamo, per ciascuna delle tipologie più diffuse dei consigli per lo svolgimento di un testo argomentativo o d’attualità. Gli elementi che ti segnaliamo sono pezzi che il tuo tema deve necessariamente avere, per il resto non ti resta che affidarti al tuo studio… alle tue capacità di scrittore… Ok abbiamo capito: ti serve una mano in più! Non temere, ci sono i nostri riassunti sui capitoli dei Promessi Sposi e il nostro articolo:

Se ti servono dei temi come esempio, leggi quelli svolti da noi:

I promessi sposi Renzo e Lucia

Tema sui personaggi dei Promessi Sposi: capitoli di riferimento

Nei Promessi Sposi, nonostante si tratti di un romanzo storico, Manzoni è riuscito a rendere i suoi personaggi degli individui pur mantenendo una serie di stereotipi che li caratterizzano. Alcuni personaggi hanno un’evoluzione più marcata, come Renzo, altri anche se hanno un ruolo secondario sono fondamentali nello sviluppo della situazione come Don Abbondio. Alla vita di altri ancora, come La Monaca di Monza e Fra Cristoforo, Manzoni dedica interi capitoli. Ecco perché il tuo prof. potrebbe proporti un tema su uno dei personaggi de I Promessi Sposi.

Tema sui Promessi sposi: traccia su Don Abbondio

Don Abbondio è il primo dei personaggi che incontriamo nel romanzo I Promessi Sposi. Egli è il parroco che avrebbe dovuto sposare Renzo e Lucia, ma proprio a causa della sua codardia la storia dei mancati marito e moglie ha inizio. Non è quindi da escludere che ti venga chiesto di svolgere un tema su Don Abbondio. Ma cosa devi scrivere sul curato de I Promessi Sposi?
Senz’altro non puoi non fare una descrizione fisica e una descrizione del carattere di Don Abbondio: i suoi comportamenti sono in buona parte spiegati dalla figura che emerge dalle parole dell’autore. Nel romanzo Don Abbondio il parroco appare diverse volte, come riferimento ti segnaliamo in particolare i capitoli (che ti abbiamo riassunto) qui:

Tema sui Promessi sposi: traccia su Renzo

L’analisi di Renzo Tramaglino, il protagonista maschile del romanzo I Promessi Sposi, è un’altra possibile traccia. Per scrivere un tema su Renzo, non dimenticare di farne la descrizione fisica e soprattutto caratteriale. Quest’ultima ti servirà a vedere il percorso di formazione di Renzo nel corso della storia. Anche se non è presente in tutti i 38 capitoli del romanzo, qui ti segnaliamo solo quelli chiave per comprendere la sua evoluzione. Poni attenzione anche alle espressioni con cui si esprime: Manzoni ha volutamente usato un tono semplice e poco colto per caratterizzarlo anche sotto il profilo culturale.

Tema sui Promessi sposi: traccia su Lucia

Un tema che abbia come traccia un’analisi del personaggio di Lucia è abbastanza probabile. Lucia Mondella è la protagonista femminile del romanzo. Sebbene la sua evoluzione non sia evidente quanto quella di Renzo, anche per parlare di lei occorre farne una descrizione accurata. La figura di Lucia è in gran parte definita dal suo carattere, quindi concentrati sul suo atteggiamento. Di fronte alla difficoltà Lucia reagisce con la fede: la sua umiltà e generosità la assimilano alla donna-angelo stilnovistica, ma in lei sono presenti anche aspetti umani. Ecco i capitoli indispensabili per capire il personaggio di Lucia:

Tema sui Promessi sposi: traccia su Gertrude, la Monaca di Monza

Un altro personaggio che potrebbe essere oggetto di un tema sui Promessi Sposi è Gertrude, conosciuta anche come la Monaca di Monza. La sua biografia occupa gran parte dei capitoli 9 e 10. Gertrude non ha un passato radioso: la sua scelta monastica non deriva dalla vocazione, ma da un’imposizione del padre cui è stata incapace di ribellarsi e con il quale il rapporto è di paura e soggezione. La Monaca di Monza è una figura storica adattata da Manzoni al romanzo. Gertrude dà ospitalità a Lucia nel suo convento quando sfugge dal suo paese a causa di don Rodrigo.

Tema sui Promessi sposi: traccia sull’Innominato

Manzoni nei Promessi Sposi, non ne fa mai il nome, per questo viene chiamato Innominato. Più che alla sua biografia, la sua importanza all’interno del romanzo è legata all’episodio della sua conversione spirituale e tutti i cambiamenti ad essa legati. Preso dai sensi di colpa per le cattive azioni della sua vita, colpito da compassione per Lucia è lui a liberarla dal castello di don Rodrigo nonostante sempre lui l’abbia rapita dal convento in cui si era rifugiata. Questi fatti non possono mancare per svolgere la traccia di un tema sull’Innominato.

I Promessi Sposi: tema svolto sui primi capitoli del romanzo 

I Promessi Sposi, come ogni opera letteraria, ha delle parti più note e altre meno. Solitamente le spiegazioni dei professori si soffermano molto sulle prime fasi della storia, in particolare il primo capitolo. Nei primi capitoli del romanzo di Alessandro Manzoni infatti si concentrano le vicende che delineano la situazione dell’intero racconto. Per svolgere una traccia sul primo capitolo o sui primi capitoli dei Promessi Sposi, ci sono personaggi ed episodi che non possono mancare:

Incipit Promessi Sposi

L’incipit de I Promossi Sposi è una delle pagine più celebri dell’intero romanzo e spesso la lunga introduzione che spiega quali sono i luoghi in cui sono ambientate le vicende di Renzo e Lucia, almeno nella prima parte iniziale, è oggetto di parafrasi e tema a scuola. Trovi qui il riassunto e la descrizione utile per la scuola:

La minaccia dei Bravi a Don Abbondio

Questa vicenda apre il romanzo ed è importante per due aspetti: innanzitutto l’intimidazione fatta da don Rodrigo attraverso i Bravi è il motivo per cui Don Abbondio non celebra il matrimonio tra Renzo e Lucia; l’altro aspetto riguarda la riflessione sociale sulla condizione dei deboli negli anni del dominio spagnolo: i poveri non sono tutelati e subiscono i soprusi dei potenti che approfittano della loro posizione sociale per imporre la propria volontà anche attraverso la forza (come in questo caso).

La confessione di Lucia

Il discorso tra i promessi sposi a cui segue la confessione di Lucia sulle attenzioni che aveva ricevuto da don Rodrigo, introduce attraverso la protagonista il concetto di “divina provvidenza”. Questa tematica è centrale nel romanzo di Manzoni e Lucia la rispecchia ed incarna (quasi) perfettamente. La promessa sposa è convinta che non conta quanto ingiusto sia il mondo in cui si vive, la giustizia divina (che è eterna e superiore) arriverà in soccorso dei deboli se si ha fede.

L’incontro con l’Azzecca-garbugli 

Dall’incontro tra Renzo e l’Azzecca-garbugli emergono sia la tematica della giustizia che quella della condizione dei deboli. L’avvocato si mostra inizialmente ben disposto verso Renzo e pronto a dar battaglia legale a Don Abbondio, ma nel momento in cui scopre che c’è don Rodrigo dietro questa vicenda si tira indietro, così come la legge che dovrebbe tutelare il promesso sposo. I potenti ancora una volta possono ovviare le regole della società a causa del loro potere.

Il miracolo delle noci 

Il miracolo raccontato da Fra Galdino a Lucia ed Agnese, noto anche come “miracolo delle noci”, si collega sempre al concetto di “divina provvidenza”. L’onnipotenza e la giustizia di Dio, si manifestano sia a difesa dei fedeli (quando il noce dà un raccolto abbondante) che contro i prepotenti (quando il figlio del proprietario terriero viene punito). Il fatto che la classe dirigente usi la sua posizione per fare sostanzialmente quello che vuole, rientra nell’ottica del “vero manzoniano” che contribuisce a rendere il racconto un romanzo storico.

Lo scontro tra Fra Cristoforo e Don Rodrigo 

Fra Cristoforo, conscio della situazione dei promessi spossi perché rivelatagli da Lucia in confessione, si reca da don Rodrigo nella speranza di fargli cambiare idea. Il discorso tra i due si trasforma presto in lite: don Rodrigo si dice disposto a proteggere Lucia al che Fra Cristoforo esplode di rabbia e mette il signorotto di fronte alle conseguenze divine dei suoi comportamenti.

La notte degli imbrogli e il tentativo dei bravi di rapire Lucia

Agnese, madre di Lucia, escogita un piano per far sposare la figlia e Renzo: un matrimonio segreto. Riuscito a convincere la promessa sposa, Renzo e riesce a trovare due testimoni: il cugino Tonio e il fratello di questo, Gervaso.
Intanto don Rodrigo ordina al Griso (capo dei Bravi) di rapire Lucia la stessa notte in cui, a sua insaputa, si sarebbero dovute celebrare le nozze a sorpresa.
Entrambi i piani falliscono: quello di don Rodrigo dato che a casa si Lucia non c’è nessuno se non Menico, di ritorno dal convento col messaggio di Fra Cristoforo che riesce a sfuggire ai bravi grazie al suono delle campane. Il sagrestano Ambrogio ha infatti suonato le campane del villaggio in segno d’allarme dopo aver sentito le grida di Don Abbondio che si è chiuso in una stanza per non celebrare il matrimonio tra Renzo e Lucia.

I Promessi Sposi si separano: l’addio ai monti di Lucia 

Dopo la fallimentare “notte degli imbrogli”, l’unica soluzione rimasta a Renzo e Lucia è quella proposta da Fra Cristoforo: separarsi momentaneamente. I promessi sposi non sanno se e quando si riabbracceranno e rivedranno la loro terra natìa alla quale Lucia dedica un celebre addio contenuto nell’ottavo capitolo del romanzo manzoniano.

Isabelle Giacometti
21 anni, mille progetti e il resto della vita per realizzarli. Scrivere è diventata una passione dal primo tema in cui ho preso 'ottimo' alle elementari... da cocca della maestra a giornalista direi che è un bel salto di qualità! Adoro il rosa e l'autunno, non vivo senza caffè e senza penna. Una frase che mi rappresenta? "Omnes optimi insani sunt" ovvero "tutti i migliori sono matti", ovviamente in latino, da brava (ex) classicista. Laurea in progress.
Leggi altri articoli in Suggerimenti Scuola Scuola